Interviste con le associazioni di volontariato che operano a livello nazionale ed internazionale. Caccia, salute, volontariato, ecologia, medicina e tanto altro.

Polistena: un bel progetto con Libera, Emergency e altre realta' associative del territorio

Polistena: un bel progetto con Libera, Emergency e altre realta' associative del territorio

In questa nuova puntata di Radio-Emergency i due conduttori, Nicola Garcea, storico volontario dell'associazone fondata da Gino Strada, e Claudio Coppini di Radio RVS Firenze, intervistano Alessia Mancuso Prizzitano, coordinatrice del Poliambulatorio Emergency di Polistena (RC), per parlarci di un progetto avviato nel 2013 che vede collaborare insieme: Libera, la cooperativa Valle del Marro, Emergency, la parrocchia di Santa Marina Vergine e "La Fondazione Il cuore si scioglie"di Unicoop Firenze e la rete di associazioni anti-mafia Libera. Nel corso del programma abbiamo ascoltato anche una breve intervista ad Andrea Bigalli, referente di Libera per la Toscana, che conosce bene il progetto di Polistena e il lavoro che svolge la Cooperativa Valle del Marro. All'interno della trasmissione anche un simpatico spot dedicato a Radio Voce della Speranza, che Cecilia Strada ha improvvisato al termine della sua partecipazione a Radio-Emergency di marzo

Radio-Emergency: Claudio Coppini intervista Cecilia Strada

Radio-Emergency: Claudio Coppini intervista Cecilia Strada

Come sempre il primo martedì del mese Radio Voce della Speranza diventa Radio-Emergency. In questa puntata della trasmissione che da' spazio all'associazione fondata da Gino Strada, Claudio Coppini ha intervistato Cecilia Strada, presidente di Emergency. Una chiacchierata molto interessante, nella quale Cecilia ha illustrato alcuni tra i vari progetti che Emergency porta avanti in tutto il mondo, compresa l'Italia stessa. &nbsp

I Ragazzi di Sipario: una cooperativa sociale davvero speciale

I Ragazzi di Sipario:  una cooperativa sociale davvero speciale

In questa puntata de L'Altro-Binario, Claudio Coppini intervista Marco Martelli Calvelli, presidente di una cooperativa sociale davvero speciale: "I ragazzi di sipario". Una cooperativa sociale di tipo “B” che nasce dall’esperienza dell’associazione Sipario, nata ormai 13 anni fa, quando i genitori di 3 ragazzi si sono interrogati sulle possibilita' che attendevano i loro figli disabili appena diplomati. Trovando un panorama non roseo, questo primo piccolo nucleo si organizzo' per creare un’associazione in grado di porsi come filtro tra lo studio e la vita adulta dei ragazzi. Al progetto si unirono presto anche altri genitori e persone vicine al tema dell’integrazione sociale. L’obiettivo dell’Associazione “Sipario” e' sempre stato quello di offrire strumenti e occasioni di crescita a ragazzi fragili, ma che se sostenuti, stimolati e valorizzati, sono in grado di mostrare un potenziale che altrimenti sarebbe rimasto sopito.Uno dei primi corsi organizzati per incrementare l’autonomia dei giovani fu un corso di cucina e da lì, ormai quasi 10 anni fa, nacque l’idea di aprire un ristorante, i cui soci fossero proprio i ragazzi e nel quale potessero sperimentare una concreta esperienza lavorativa: nacque cosi' laCooperativa sociale “I Ragazzi di Sipario”. &nbsp

Facciamo il punto dopo un anno di Emergency a Castelvolturno

Facciamo il punto dopo un anno di Emergency a Castelvolturno

In questa nuova puntata di Radio-Emergency i due conduttori, Nicola Garcea, storico volontario dell'associazone fondata da Gino Strada, e Claudio Coppini di Radio RVS Firenze, intervistano Loredana Carpentieri - che fino a dicembre scorso ha svolto il compito di mediatrice culturale a Castelvolturno nell'ambito del progetto di Emergency - e Sergio Serraino, attuale coordinatore del progetto. Un interessante e in certi momenti toccante racconto, il loro, sulle situazioni di un territorio complesso e degradato che vede tante persone, di diverse nazionalita', socialmente e culturalmente fragili e facilmente sfruttabili. Loredana adesso opera a Milano dove e' partito il progetto con il Politruck

L'Altro-Binario, fermata carcere 10

L'Altro-Binario, fermata carcere 10

Una puntata de L'Altro-binario fermata carcere speciale, quella odierna, che ci racconta un'esperienza trentennale davvero stimolante per gli obiettivi raggiunti. Ospite in collegamento telefonico dal carcere di Volterra, Armando Punzo, animatore e motore di un'esperienza teatrale e umana, di livello europeo, che ha trovato nel carcere di Volterra un terreno pilota fertile, che nel tempo ha costruito una compagnia di detenuti-attori di alto livello artistico, "La Compagnia della Fortezza". Insieme ai due conduttori, Claudio Coppini e Roberto Vacca, un altro ospite in trasmissione, Severino Saccardi, direttore della rivista Testimonianze e attento osservatore della situazione carceraria della Toscana, che sottolinea l'importanza fondamentale di esperienze di questo tipo per dare al carcere il senso vero che gli attribuisce l'articolo 27 della Costituzione

Vite trasformate

Vite trasformate

  In questo numero de "L'Altro Binario"  parliamo con Anna Quaranta, della chiesa Nuova Vita di Bologna, sul ministero "Vite trasformate", un servizio cristiano a favore delle ragazze costrette alla prostituzione. Anna - tra i fondatori di questo servizio a Bologna - ci racconta di come avvenga l'approccio alle ragazze, di come la preghiera abbia sin dall'inizio accompagnato questo impegno, e dei risultati sorprendenti che si verificano. Perche' lo Spirito di Dio e' davvero in grado di trasformare le vite di ogni uomo e di ogni donna, in qualunque condizione si trovi. &nbsp

Il Poliambulatorio di Emergency a Sassari compie un anno

Il Poliambulatorio di Emergency a Sassari compie un anno

In questa puntata di Radio-Emergency riprendiamo a parlare del Programma Italia e questa volta "voliamo" nella bellissima Sardegna, per parlare con Sara Chessa, infermiera e referente del Progetto del Poliambulatorio di Emergency a Sassari. Un'occasione interessante per i conduttori, Nicola Garcea, Claudio Coppini e Roberto Vacca alla regia, per parlare di questo progetto locale di Emergency, ma anche della situazione immigrazione che ha visto nel 2016 toccare i 180.000 arrivi in Italia con un incremento del 20 per cento rispetto all'anno precedente. A Sassari, l'ambulatorio di Emergency, come ci spiega Sara in collegamento telefonico, offre da un anno gratuitamente cure di medicina di base e servizi di orientamento socio-sanitario. I mediatori dell'associazione sono sempre presenti e disponibili per aiutare chi ne abbia bisogno ad accedere alle cure del Servizio sanitario nazionale. Anche in Sardegna, infatti, numerose persone non hanno accesso a cure di cui hanno diritto. Sono migranti, stranieri, persone indigenti che a causa di difficolta' linguistiche, della paura di essere denunciati o della scarsa conoscenza dei propri diritti, non riescono a orientarsi nel nostro sistema sanitario e a ottenere quindi l'assistenza di cui hanno bisogno e che e' un loro diritto. Per questo, oltre a offrire le cure di base tramite i medici di Emergency, i mediatori presenti allo Sportello - come anche nelle altre strutture del Programma Italia - svolgono attivita' di consulenza e orientamento socio-sanitario, si occupano delle pratiche per il rilascio del codice Stp (Straniero temporaneamente presente, che garantisce anche agli stranieri non regolari l'accesso al Servizio sanitario pubblico), accompagnano i pazienti che necessitino di esami o visite presso le strutture pubbliche, svolgono attivita' di monitoraggio del territorio per individuare sacche di disagio o di negazione dei diritti in cui intervenire, e collaborano con istituzioni e associazioni locali

Un disabile in crociera: parliamone insieme

Un disabile in crociera: parliamone insieme

Il 6 dicembre 2016 il presidente dell’Associazione Access Emotion Antonio Spica e' stato ospite via telefono di Radio Voce della Speranza di Firenze, all’interno della trasmissione HandicaPPati in Orbita, condotta da Mauro Sbrillo e Claudio Coppini. “E’ un programma che tratta i temi della disabilita' in modo realistico e con un pizzico d’ironia”, ha commentato Spica. Gli ospiti che partecipano alla nostra trasmissione solitamente sono persone con disabilita' o associazioni che raccontano le loro esperienze relative a come una persona con disabilita' affronta i problemi pratici quotidiani (barriere architettoniche, scuola, lavoro, ecc.) e come li supera, ma soprattutto confrontandosi su emozioni e sentimenti vissuti. "E’ stato un buon tempo quello passato in trasmissione, una mezz’ora di emozioni, riflessioni, sorrisi e anche qualche lacrima, il tutto condito da buona musica", ha aggiunto ancora Spica. "Crediamo molto in questo esperimento" hanno espresso i due conduttori nel corso della trasmissione, "perché molto spesso il pregiudizio nasce dall’ignoranza, intesa come non conoscenza". Questa mattina si e' parlato di persone con disabilita' in crociera, prendendo spunto dalla recente vacanza di Mauro Sbrillo e signora, a bordo di una mega-nave da crociera, analizzando i pro e i contro di questa esperienza e facendo anche una classifica delle citta' più accessibili, visitate durante il viaggio. Access Emotion ha presentato il nuovo progetto, gia' attivo da qualche settimana, sulla raccolta di dati che costruiranno il database sui servizi accessibili per le persone con disabilita'. “Nella pagina dedicata alle segnalazioni del nostro sito e' possibile indicare il grado di accessibilita' di qualsiasi struttura (hotel, B&B, ristoranti, locali pubblici, etc..) attraverso un semplice modulo. Invitiamo tutte le persone a divulgare la possibilita' di segnalare un servizio accessibile. L’accessibilita' non è soltanto la presenza di uno scivolo invece di uno scalino, l’accessibilita' passa prima di tutto dall’informazione specifica e puntuale, dando cosi' la possibilita' di scegliere alle persone di usufruire di un servizio invece che un altro” – spiega Antonio Spica

Diario Afghanistan: il nuovo Centro di maternita' di Annabah

Diario Afghanistan: il nuovo Centro di maternita' di Annabah

In questa puntata speciale di Radio-Emergency, i due conduttori Nicola Garcea, storico volontario di Emergency, e Claudio Coppini, di RVS, hanno l'opportunita' di avere in collegamento telefonico Luca Radaelli, responsabile di Emergency-Afghanistan per otto anni e anche conoscitore profondo della realta' afgana per il fortissimo legame che lo lega a quella terra e a quelle popolazioni. Grazie alla presenza di Luca, proviamo a costruire una visione piu' ampia possibile di quel Paese e di questa guerra che iniziata nel 1978, non ha mai avuto fine. Ma con lui vogliamo parlare anche di quest'ultima sfida vinta da Emergency: il nuovo Centro di maternita' di Annabah. E Andrea parte con uno slancio di giustificata fierezza: "che il nuovo Centro che stavamo costruendo sarebbe stato bellissimo, lo sapevamo... ma ora che lo possiamo vedere per davvero e' ancora meglio di quanto ci aspettassimo: sembra di essere in un grande ospedale europeo!". La nuova maternita' ospita quattro sale parto, due sale operatorie, una terapia intensiva e una sub-intensiva neonatale, una terapia intensiva per le donne che hanno avuto complicazioni durante il parto, un ambulatorio, un reparto di ginecologia, un'area per i follow-up e una per il travaglio. "Il Centro e' studiato nei minimi dettagli per poter gestire al meglio gli oltre 500 parti al mese che gia' effettuiamo e le nuove pazienti che arriveranno. Un numero molto alto, che testimonia l'importanza del nostro lavoro in questi anni e la fiducia che siamo riusciti a costruire. Oggi sono molte le famiglie afgane che affrontano lunghi viaggi, anche da Kabul, per partorire in sicurezza nel nostro ospedale. A tredici anni dall'apertura del primo Centro di maternita', vedere il nuovo Centro, ancora piu' grande, ci riempie d'orgoglio per il lavoro che abbiamo fatto finora. E ci riempie di gioia sapere che da oggi lo potremo fare ancora di più e ancora meglio"

Sabato 26 novembre 2016 colletta alimentare per i piu' poveri

Sabato 26 novembre 2016 colletta alimentare per i piu' poveri

Anche quest’anno sabato 26 novembre si ripropone la "colletta alimentare" promossa dalla Fondazione Banco Alimentare onlus, ventesima edizione che come negli anni passati si svolgera' presso numerosi supermercati in tutta Italia, coinvolgendo migliaia di volontari. La finalita' e' sostenere tante associazioni nel loro impegno quotidiano di assistenza verso i piu' poveri. Purtroppo un numero crescente di persone e' costretto a chiedere aiuto a queste associazioni, anche per un bisogno fondamentale come l'alimentazione. Ne parliamo con Massimo Marchi, responsabile della colletta alimentare del Banco Alimentare Toscana

Leggiamo insieme: "Amori funesti"

Leggiamo insieme: "Amori funesti"

Davvero originale e nuova la disamina di alcune figure femminili del Decameron di Boccaccio nel saggio che apre il libro "Amori funesti. Storie di donne" di Monica Bocelli, Marco Del Bucchia Editore. Le tre storie che seguono sono state ispirate dalle vite di altrettante donne - una peruviana, una polacca e una albanese - con cui l'autrice ha interagito e che le hanno lasciato dentro la voglia di raccontarle perche' la violenza sulle donne non venga ricordata solo il 25 novembre o l'8 marzo ma in ogni momento dell'anno. Nel quinto e ultimo scritto, il piu' corto, l'amore funesto che da' il titolo alla silloge e' quello vissuto da una donna per un brevissimo lasso di tempo ma che l'ha devastata per sempre (dalla prefazione di Daniela Domenici). In questo numero di "Leggiamo insieme"  Roberto Vacca intervista l'autrice, Monica Bocelli, insegnante e pedagogista

"Solidarieta' in Salute": un pensiero per Natale due volte solidale

"Solidarieta' in Salute": un pensiero per Natale due volte solidale

Anche quest’anno il Natale puo' diventare un’occasione per essere solidali con chi e' piu' debole. Adra Italia, l'agenzia umanitaria avventista, e la Fondazione Vita e Salute stanno collaborando insieme ad un nuovo progetto, “Solidarieta' in Salute”, che va oltre la semplice distribuzione alimentare, offrendo agli assistiti dei coordinamenti Adra locali una serie di attivita' e di strumenti per prendersi cura della propria salute, troppo spesso trascurata a causa della poverta'. L’attività dei volontari ADRA, da sempre, e' rivolta a dare un aiuto concreto alle persone bisognose, instaurando con esse relazioni basate sulla stima e sulla fiducia. Durante gli incontri con gli assistiti e' emersa la difficoltà di porre particolare attenzione agli aspetti salutari e alla cura per la prevenzione, perche' le loro priorità sono rivolte ai disagi economici che spesso creano solitudine e isolamento. Per questa ragione è nato il progetto “Solidarieta' in Salute”, che da Gennaio 2017 sara' attivo presso dieci dei centri di distribuzione alimentare ADRA Italia, per raggiungere un totale di circa 600 persone. Quest’anno, donando ai vostri cari uno o piu' prodotti della campagna solidale di Natale, non solo aiuterete a sostenere questo progetto, ma farete anche un gesto di solidarieta' nei confronti delle popolazioni colpite dal terremoto poiche' i prodotti inseriti nei pacchi provengono da agricoltori delle zone terremotate. Tra i prodotti solidali troverete biglietti natalizi da usare per i vostri auguri, libri inerenti la salute, la rivista Vita&Salute e una vasta gamma di prodotti alimentari biologici. È possibile ordinare i prodotti solidali attraverso il modulo della campagna natalizia che trovate in ogni chiesa, oppure online collegandovi al sito http://www.vitaesalute.net/shop-solidale/ . Il ricavato di questa campagna natalizia sara' interamente devoluto a sostegno del progetto “Solidarietà in Salute”. Abbiamo parlato del progetto "Solidarieta' in Salute" con Debora Centorrino, del settore fund-raising per la Fondazione Vita e Salute e ADRA-Italia

Pagina 1 di 2712345...1020...Ultima »