Interviste su temi attuali, notizie, radio, televisione. Tutto quanto fa notizia e spettacolo.

"Da parte della Chiesa Cattolica vi chiedo perdono"

"Da parte della Chiesa Cattolica vi chiedo perdono"

Eccoci qua, otto secoli dopo: 841 anni dalla nascita del movimento dei poveri di Lione fondato dal mercante Valdo, 831 dalle accuse di eresia e la scomunica di Papa Lucio III. Secoli di persecuzioni, stragi, ghetti. Francesco e' il primo Pontefice della storia a entrare in un tempio dei valdesi, proprio quello che nel centro di Torino venne costruito dopo che Carlo Alberto, nel 1848, riconobbe loro per la prima volta i diritti civili. Gli applausi, lunghi e commossi, arriveranno solo al termine del suo discorso. Ma c’è un silenzio perfetto, nel tempio, e occhi lucidi, mentre Francesco alza lo sguardo e mormora: "Da parte della Chiesa Cattolica vi chiedo perdono per gli atteggiamenti e i comportamenti non cristiani, persino non umani che, nella storia, abbiamo avuto contro di voi. In nome del Signore Gesù Cristo, perdonateci!" (da corriere.it "Prima visita del Papa ai valdesi" di Gian Guido Vecchi, del 22-06-2015). Sul senso di questa visita e su alcune questioni importanti poste nel corso dell'incontro dal pastore Eugenio Bernardini, moderatore della Tavola Valdese (per esempio l'ospitalita' eucaristica), abbiamo voluto ascoltare il parere del teologo Fulvio Ferrario, decano della Facolta' valdese di teologia di Roma

Forteto, il "profeta" Fiesoli condannato a 17 anni

Forteto, il "profeta" Fiesoli condannato a 17 anni

"Una lunga attesa che ora si chiude con la condanna in primo grado a 17 anni e mezzo per abusi sessuali e maltrattamenti al 'profeta' Roberto Fiesoli e la condanna di sedici imputati sui 23 chiamati in causa nel maxi processo del Forteto, la comunita' per minori di famiglie disagiate a Vicchio del Mugello. Pena di 8 anni a Goffredi, sette a Daniela Tardani e quattro e mezzo per Mauro Vannucchi, Stefano Pezzati e Luigi Serpi. Alla lettura della sentenza era presente anche il sindaco di Firenze Dario Nardella, in veste di parte civile come Citta' metropolitana. Oltre 90 le udienze nel corso del processo e una lunga serie di testimonianze raccolte nelle quali si raccontava di anni di violenze perpetrate in quella che all'esterno si dichiarava un'eccellenza dell'imprenditoria. Il pm Ornella Galeotti nelle nove ore di requisitoria di un mese fa aveva chiesto per il profeta la condanna a 21 anni, 15 per Goffredi e pene inferiori a un anno per altri 19 imputati" (da "La Nazione" di Firenze del 17 giugno 2015). Claudio Coppini e Roberto Vacca commentano questa triste vicenda di abusi verso i minori con Roberto Bambagioni, vicepresidente della Commissione regionale d'inchiesta sul caso Forteto. Una vicenda tuatt'altro che conclusa. Caso Forteto, il giorno della sentenza

Arriva l'enciclica papale sull'ambiente: "Laudato si''

Arriva l'enciclica papale sull'ambiente: "Laudato si''

Il Papa nella enciclica "Laudato si'" appena pubblicata rivolge un doppio appello, a "proteggere la casa comune", controllando il surriscaldamento climatico e altri danni ambientali, ma anche a cambiare modello di sviluppo, per i "poveri", e "per uno sviluppo sostenibile e integrale". Il modello consumista e' completamente disinteressato al "bene comune". Realizzare una "cittadinanza ecologica" invece porta a una serie di "azioni quotidiane" che hanno di mira la cura del creato, e uno sviluppo equo. La enciclica ne elenca varie, dal consumo equo e solidale, al minor uso di condizionatori, alla gestione dei rifiuti. Spesso - scrive il Papa - non si ha "chiara coscienza" che le "inequita'" nell'ambiente e nel modello di sviluppo colpiscono soprattutto i poveri. Il Papa chiede di "integrare la giustizia nelle discussioni sull'ambiente", senza giustizia, e' "impossibile ascoltare tanto il grido della terra quanto il grido dei poveri" (da ansa.it del 18 giugno 2015). Ne parliamo con il teologo cattolico Simone Morandini, autore di numerosi libri sul rapporto tra fede cristiana e salvaguardia del creato, tra cui un suo commento all'enciclica, di prossima pubblicazione per le edizioni Cittadella

Rifugiati: "piano A" - "piano B"... Cos'e' che manca davvero?

Rifugiati: "piano A" - "piano B"... Cos'e' che manca davvero?

In questo numero de L'Altro-Binario Claudio Coppini e Roberto Vacca provano ad affrontare la situazione drammatica che si e' venuta a creare a Ventimiglia, dove molti immigrati sono stati fermati dalla gendarmerie francese e si sono trovati abbandonati e costretti a pernottare sugli scogli. Una brutta situazione che si e' ingarbugliata a livello europeo e di singoli stati. Duro lo scambio tra Francia e Italia, successivamente rientrato con l'incontro dei rispettivi ministri degli Interni. Per parlarne abbiamo avuto in studio Alessandro Martini, direttore della Caritas Diocesana fiorentina, delegato regionale ed esperto di dinamiche sociali e flussi migratori. Insieme a lui, e con alcune sottolineature arrivate dalle telefonate degli ascoltatori, e' emersa una realta' complessa, in cui la politica manifesta uno stato di debolezza che rende tutto molto piu' complicato, con l'aggiunta di una burocrazia legislativa che in molti casi diventa un ostacolo insormontabile per la possibilita' di risolvere situazioni. La corruzione e la perdita di credibilita' sono l'altro grave punto di debolezza della politica. Nell'esame di coscienza rivolto specificatamente a chi si riconosce cristiano in questo Paese, c'è un punto imprescindibile: non ci può essere per nessun motivo un disimpegno da temi come quello dell'immigrazione e quindi dell'accoglienza della persona umana che fugge dalla guerra e dall'annientamento della vita. Con serietà, competenza e solidarietà ci si mette in gioco come Nazione, come comunita' e come individui, senza mai cercare di annacquare il Vangelo Alessandro Martini, direttore della Caritas Diocesana fiorentina

Le stelle del cuore 92: "Una proposta di legge contro la prostituzione"

Le stelle del cuore 92: "Una proposta di legge contro la prostituzione"

In questo numero di "Le stelle del cuore", rubrica sul tema della prostituzione forzata a cura di Adelina e Roberto Vacca, vi proponiamo un'intervista a Gian Luigi Gigli (Gruppo "Per l'Italia") sulla sua proposta di legge per contrastare il fenomeno della prostituzione colpendo il "cliente" (proposta di legge C. 2503 presentata il 1° luglio 2014). La proposta prevede infatti di inserire nel codice penale un nuovo tipo di reato: quello di acquisto di servizi sessuali

Istat: oltre 6 milioni di donne hanno subito violenza

Istat: oltre 6 milioni di donne hanno subito violenza

"Una vera e propria piaga sociale, oltre che un dramma personale e familiare. La violenza contro le donne resta un fenomeno grave e diffuso, benche' negli ultimi 5 anni sia diminuito: 6.788.000 donne hanno subito nel corso della propria vita una qualche forma di violenza fisica o sessuale, il 31,5% delle donne tra i 16 e i 70 anni, quasi una su tre. Ma se la violenza è in calo, aumenta invece la percentuale dei figli che vi assistono. Sono i dati salienti del rapporto La violenza contro le donne dentro e fuori la famiglia, presentato il 5 giugno a Roma dall'Istat e da Giovanna Martelli, consigliera del presidente del Consiglio Renzi in materia di pari opportunita'" (da Repubblica del 5 giugno). Ma le religioni che ruolo hanno - o potrebbero avere - per far fronte a questo fenomeno di violenza generalizzata? Ne parliamo con Letizia Tomassone, pastora della chiesa valdese di Firenze

La tragedia dei rifugiati respinti

La tragedia dei rifugiati respinti

"L'Europa deve farsi carico di risolvere tutti insieme il problema dei migranti, e questo e' il piano A, la soluzione preferita, migliore. Se cosi' non sara' siamo capaci di affrontare da soli il problema e questo e' il piano B". Non usa mezzi termini il premier Matteo Renzi, in conferenza stampa dopo il bilaterale con il presidente messicano, a proposito dell'emergenza migranti (...) Mentre a Ventimiglia gli immigrati stazionano per il quarto giorno sulla scogliera, la Francia insiste: "E' l'Italia che deve farsi carico dei migranti". La posizione di Parigi e' stata espressa dal ministro francese dell'Interno, Bernard Cazeneuve, che ha sottolineato: dall'inizio dell'anno "abbiamo avuto circa 8.000 passaggi e abbiamo fatto riammettere in Italia circa 6.000 migranti. Non devono passare, e' l'Italia che deve farsene carico. Bisogna rispettare le regole di Schengen". E ha chiesto che l'Italia accetti "di creare dei centri per distinguere i migranti economici irregolari dai rifugiati". (da Repubblica.it del 15 giugno 2015). Parliamo di questa battaglia politica ma soprattutto di questa tragedia umanitaria con Franca Di Lecce, responsabile del Servizio rifugiati e migranti della Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia

ACAT d'Europa si incontrano a Bruxelles: insieme contro la tortura

ACAT d'Europa si incontrano a Bruxelles: insieme contro la tortura

Tutte le ACAT (Azione dei Cristiani per l'Abolizione della Tortura) d’Europa si incontreranno a Bruxelles tra il 12 ed il 14 giugno prossimi. L’evento sarà occasione di reciproco arricchimento e scambio di esperienze. Tra le altre cose si parlerà di giovani e della difficoltà del ricambio generazionale. ACAT indice da diversi anni l’assegnazione del premio di laurea “Una laurea per fermare tortura e pena di morte”, per tesi discusse su alcuni temi particolari inerenti la pena di morte e la tortura. Con quale scopo è stato istituito questo premio? In quali ambiti lavorano le ACAT? Mario Calvagno, caporedattore di RVS Roma, intervista Massimo Corti di ACAT Italia

EDITORIALE – Sama, immigrata insieme ad una gattina

EDITORIALE – Sama, immigrata insieme ad una gattina

Lola è la prima gattina nella storia dell'immigrazione dall'Africa alle coste italiane a raggiungere Lampedusa. Dal Sudan è arrivata in Libia e poi fino all’isola, insieme alla sua padrona Sama. La gattina è stata accolta con affetto ed è stata messa in quarantena per precauzione. Nella Bibbia, in Levitico 24:18 è detto che il Signore punisce coloro che fanno del male agli animali. Bisognerebbe tener più conto della vita di queste creature di Dio. Inoltre dovremmo imparare anche a dare più valore alla vita dell’essere umano, in maniera particolare se si trova nella condizione di immigrato. In Matteo 25:35 Gesù dice: “Ero forestiero e mi avete accolto”. Uno spunto in più per riconsiderare le priorità nella scala di valori nella nostra vita: tutte le creature di Dio devono ugualmente ricevere rispetto. Riflessione a cura del pastore avventista Daniele Benini, direttore nazionale del network RVS e direttore delle Chiese Cristiane Avventiste dell'Italia centrale

Ci sono buone notizie 300

Ci sono buone notizie 300

Ci sono buone notizie 300 (03.06.2015) Alla ricerca di eventi, informazioni, curiosità per pensare positivo. Una rubrica con notizie che non vengono messe in risalto dai media ... o quasi! In questa puntata: Le due notizie di oggi segnano la fine di Ci Sono Buone Notizie in vista delle vacanze estive, che quest'anno anticiperemo un pò. Infatti Luisa ed Emanuele ci salutano per darci appuntamento a settembre. Ecco dunque le due notizie di oggi: ITALIA for KENIA e ...TEDESCHI a piedi. Buone Vacanze a tutti

5xmille all'Opera Sociale Avventista

5xmille all'Opera Sociale Avventista

L'Opera Sociale Avventista (OSA) da sempre opera a supporto di iniziative a carattere sociale in Italia. Per dare il proprio sostegno è possibile devolvere il 5x1000 a suo favore. Attraverso vari organi si occupa di promozione di uno stile di vita salutare, di lotta all’usura, di assistenza dei più deboli, di cura dell’anziano, di formazione e cultura. Quali attività finanzia nello specifico? Mario Calvagno, caporedattore di RVS Roma, intervista il past. Franco Evangelisti, responsabile

Polonia, quo vadis?

Polonia, quo vadis?

"E' durata poco l’incertezza sull’esito del ballottaggio alle elezioni presidenziali in Polonia. Pochi minuti dopo la diffusione degli exit poll che davano lo sfidante Andrzej Duda, 43 anni, euroscettico, in testa con il 53% e il capo di stato uscente Bronislaw Komorowski, liberale, al 47%, è stato lo stesso Komorowski a dissipare ogni dubbio, ammettendo la sconfitta e congratulandosi con il suo avversario.(...) Andrzej Duda e' cresciuto politicamente nel partito di destra Diritto e Giustizia (Pis) fondato dai fratelli Lech e Jaroslaw Kaczynski. La sua carriera istituzionale inizia con la carica del viceministro della giustizia (2006-2007) nel governo dell’allora premier Jaroslaw Kaczynski. Poi lavora come segretario di stato quando il suo gemello Lech Kaczynski diventa presidente della repubblica nel 2005. Dopo la morte di Lech Kaczynski nella sciagura aerea del 10 aprile 2010 a Smolensk, Duda si candida invano a sindaco di Cracovia, riuscendo solo a diventare consigliere comunale. Nel 2011 dalle file del Pis viene eletto il deputato e nel 2014 eurodeputato. Da allora e' attivo nell’ambito dell’Alleanza dei Conservatori e Riformisti europei. Da candidato presidente, avendo come mentore Jaroslaw Kaczynski, non ha nascosto il suo euroscetticismo, la sua contrarieta' all’Europa unita e all’entrata di Varsavia nell’euro, dichiarando di voler tutelare in primo luogo gli interessi della Polonia. Sostenuto dagli ambienti piu' conservatori dalla Chiesa polacca, ha tra l’altro dichiarato di voler punire con la reclusione le donne che si sottopongono alla fecondazione in vitro" (da "La Stampa" del 21 maggio 2015). Parliamo di queste elzioni e delle prospettive della Polonia con il pastore valdese di nazionalita' polacca Pawel Gajewski Andrzej Duda con la moglie Agata (a sinistra) e la figlia Kinga

Sfogliando il giornale (GENDER) 3

Sfogliando il giornale (GENDER) 3

Sfogliando il Giornale: (Teoria sul Gender 3p) In questa puntata potrete ascoltare la terza di tre trasmissioni dedicate alla Teoria del GENDER, il decreto legge sull'OMOFOBIA e L'EDUCAZIONE SESSUALE nelle scuole. Si tratta di una conferenza registrata il 23 maggio 2015 presso la Chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorno di Forlì. Oratore della conferenza, l'avvocato Paolo Bontempi del Foro di Ravenna, vice presidente dell'unione giuristi cattolici sezione di Ravenna non chè presidente de LA STELLA POLARE associazione di orientamento familiare. L'incontro è presieduto dal pastore Roberto Iannò, Direttore del dipartimento Educazione e famiglia della Chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorno. Le tre puntate hanno una durata di circa 40 minuti l'una le prime due trattano l'argomento, la terza vede un dialogo domanda/risposta con il pubblico in sala. C'è l'opportunità di scaricare le tre puntate singole ma anche la versione INTEGRALE in un unico file "CONFERENZA Teoria del Gender FILE UNICO"

Sfogliando il giornale (GENDER)

Sfogliando il giornale (GENDER)

Sfogliando il Giornale: (Teoria sul Gender FILE UNICO ) In questa puntata potrete ascoltare una conferenza dedicata al dibattito odierno sulla Teoria del GENDER, il decreto legge sull'OMOFOBIA e L'EDUCAZIONE SESSUALE nelle scuole. Si tratta di una conferenza registrata il 23 maggio 2015 presso la Chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorno di Forlì. Oratore della conferenza, l'avvocato Paolo Bontempi del Foro di Ravenna, vice presidente dell'unione giuristi cattolici sezione di Ravenna non chè presidente de LA STELLA POLARE associazione di orientamento familiare. L'incontro è presieduto dal pastore Roberto Iannò, Direttore del dipartimento Educazione e famiglia della Chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorno. Questa puntata è INTEGRALE ed una durata di circa 1 ora e 30 minuti

Sfogliando il giornale (GENDER) 2

Sfogliando il giornale (GENDER) 2

Sfogliando il Giornale: (Teoria sul Gender 2p) In questa puntata potrete ascoltare la seconda di tre trasmissioni dedicate alla Teoria del GENDER, il decreto legge sull'OMOFOBIA e L'EDUCAZIONE SESSUALE nelle scuole. Si tratta di una conferenza registrata il 23 maggio 2015 presso la Chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorno di Forlì. Oratore della conferenza, l'avvocato Paolo Bontempi del Foro di Ravenna, vice presidente dell'unione giuristi cattolici sezione di Ravenna non chè presidente de LA STELLA POLARE associazione di orientamento familiare. L'incontro è presieduto dal pastore Roberto Iannò, Direttore del dipartimento Educazione e famiglia della Chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorno. Le tre puntate hanno una durata di circa 40 minuti l'una le prime due trattano l'argomento, la terza vede un dialogo domanda/risposta con il pubblico in sala. C'è l'opportunità di scaricare le tre puntate singole ma anche la versione INTEGRALE in un unico file "CONFERENZA Teoria del Gender FILE UNICO"

Sfogliando il giornale (GENDER) 1

Sfogliando il giornale (GENDER) 1

Sfogliando il Giornale: (Teoria sul Gender 1p) In questa puntata potrete ascoltare la prima di tre trasmissioni dedicate alla Teoria del GENDER, il decreto legge sull'OMOFOBIA e L'EDUCAZIONE SESSUALE nelle scuole. Si tratta di una conferenza registrata il 23 maggio 2015 presso la Chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorno di Forlì. Oratore della conferenza, l'avvocato Paolo Bontempi del Foro di Ravenna, vice presidente dell'unione giuristi cattolici sezione di Ravenna non chè presidente de LA STELLA POLARE associazione di orientamento familiare. L'incontro è presieduto dal pastore Roberto Iannò, Direttore del dipartimento Educazione e famiglia della Chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorno. Le tre puntate hanno una durata di circa 40 minuti l'una le prime due trattano l'argomento, la terza vede un dialogo domanda/risposta con il pubblico in sala. C'è l'opportunità di scaricare le tre puntate singole ma anche la versione INTEGRALE in un unico file "CONFERENZA Teoria del Gender FILE UNICO"

L'iimigrazione evangelica in Italia

L'iimigrazione evangelica in Italia

In questo numero de "L'AltroBinario" insieme al pastore avventista Davide Mozzato parliamo del fenomeno migratorio evangelico in Italia che ha per molti aspetti trasformato il panorama delle chiese evangeliche italiane. Sono presenti ora nel nostro Paese molte chiese "etniche" (costituite da un'unica nazionalita') e internazionali, una situazione che ha introdotto nuove prospettive e nuove problematiche in rapporto al futuro. Ne parliamo con Alessia Passarelli e Tamara Pispisa, curatrici insieme a Paolo Naso del recente saggio "Fratelli e sorelle di Jerry Masslo" (ed. Claudiana), e con Anna Maffei, pastora della Chiesa battista fiorentina

Scuola e laicita'. A Torino il convegno nazionale della "31 Ottobre"

Scuola e laicita'. A Torino il convegno nazionale della "31 Ottobre"

"Laicita' come diritto di cittadinanza nella scuola": questo il titolo dell'annuale Convegno nazionale dell'"Associazione 31 Ottobre - per una scuola laica e pluralista promossa dagli evangelici italiani" in programma a Torino. Per l'occasione, sabato 23 maggio presso il Liceo Albert Einstein, esponenti del mondo della scuola, della politica, delle religioni e accademico si confronteranno per una giornata su cosa accade tutti i giorni nelle aule in tema di laicita', e su cosa invece dovrebbe accadervi. "Attorno al ddl sulla 'Buona Scuola' si è riacceso il dibattito sul sistema dell'istruzione”, ha affermato Silvana Ronco, presidente della "31 Ottobre", evidenziando come, nel dibattito attuale, nessuno parli della laicita' nella scuola. "E allora anche quest'anno l'Associazione 31 Ottobre si e' impegnata nel dare il proprio contributo, organizzando un convegno nazionale che associa la laicita' al diritto di cittadinanza". Per Silvana Ronco la scuola pubblica statale ha un preciso mandato costituzionale: "garantire il diritto alla liberta' di scelta educativa dei genitori e alla liberta' d'insegnamento dei docenti. L'importanza della scuola come strumento principe per favorire 'il pieno sviluppo della persona umana' (art. 3 della Costituzione) consiste anche nella capacita' di accogliere tutta la popolazione scolastica, a prescindere dalla provenienza geografica, dalla posizione rispetto al fatto religioso o dall'orientamento sessuale, capacita' che si esprime appieno attraverso la laicita', intesa come autonomia del diritto dal precetto religioso, del potere politico dalle ingerenze ecclesiastiche, nonche' come affermazione del pluralismo quale 'valore aggiunto' in una scuola 'buona' davvero" (da NEV 21/2015). In questo numero di "Sfogliando il giornale" Roberto Vacca intervista Silvana Ronco, presidente dell'associazione 31 ottobre, per una scuola laica e pluralista

Indicazioni per una pacifica convivenza con il prossimo

Indicazioni per una pacifica convivenza con il prossimo

Gli ultimi fatti di sangue avvenuti in provincia di Napoli dimostrano che oggi si vive in una situazione di maggiore stress rispetto al passato. Basta una minima scintilla per creare situazioni spesso irreparabili. La parabola evangelica del figliol prodigo, che chiede al padre l’eredità quando ancora non gli spetta, insegna quali comportamenti sarebbe bene assumere per una pacifica convivenza. Il padre, nonostante il figlio non sia nel giusto, va incontro ai suoi desideri per evitare di creare fratture insanabili. Dovremmo imparare a rispettare di più le esigenze dell’altro e, imparando a stare bene con noi stessi, accogliere il nostro prossimo. Riflessione a cura del pastore avventista Franco Evangelisti, responsabile dell'OSA (Opera Sociale Avventista)

Pagina 30 di 111« Prima...1020...2829303132...405060...Ultima »