Eventi, Spettacoli, Mostre, Cultura ed Altro. Periodicamente tutto lo spettacolo sulla radio.

Filo Diretto 111 - FC - Un messaggio di giudizio e di speranza

Filo Diretto 111 - FC - Un messaggio di giudizio e di speranza

Filo Diretto 111 - FC: Registrazioni dal vivo dalle comunità avventiste in Italia. In questa puntata:  Con il testo di Michea 7:18,19 Fabian Nicolaus Coordinatore della Casa di Riposo Casa Mia di Forlì ha voluto fare un "ripasso" di quello che è il MESSAGGIO AVVENTISTA per eccellenza. Il tema del santuario e il messaggio dei tre angeli di apocalisse 14. Un richiamo alle origini dell'annuncio del Vangelo Eterno per tutta la comunità avventista, ma anche un messaggio di speranza a quanti non conoscono ancora il piano di Dio per l'uomo. La predicazione è stata presentata sabato 11/03/2017 presso la Chiesa Cristiana Avventista del settimo giorno di Forlì

In nome di Dio, clemente e misericordioso 10

In nome di Dio, clemente e misericordioso 10

In onda l'8 marzo 2017 su RVS-Firenze la decima puntata della serie dal titolo "In nome di Dio, clemente e misericordioso". Si tratta di una serie di trasmissioni con cadenza quindicinale che cerca di portare all'attenzione dell'opinione pubblica l'esigenza di conoscere meglio la realta' della fede islamica, cosi' come e' vissuta concretamente da migliaia di persone nelle nostre citta', con semplicita' e devozione. Si inserisce nel tentativo promosso da tante associazioni e movimenti cristiani e laici di allentare le tensioni provocate dalla sensazione di "diversita'", spesso esasperata da terribili fatti criminali che colpiscono tutti, i musulmani innanzitutto, e che rischiano di far deragliare il processo di convivenza tra fedi e culture diverse nel nostro Paese. La trasmissione e' realizzata in collaborazione con i giovani della comunita' islamica di Firenze e si compone di tre "sezioni": "l'ABC dell'Islam", "facciamo chiarezza" e "uno sguardo ai giornali".  In questa puntata nella prima parte Claudio Coppini intervista sulla credenza islamica nel giorno del giudizio Hamdan Al Zeqri, giovane yemenita che vive in Italia ormai da 13 anni, mediatore culturale, insegnante di lingua araba e animatore dei giovani della comunità islamica fiorentina. In sua compagnia in linea telefonica, Lara Rossi, insegnante di italiano per studenti stranieri, che ci parla anche della sua esperienza di donna italiana di fede musulmana. Per "Facciamo chiarezza" presentiamo una breve intervista a Hamza Piccardo, autore della traduzione piu' diffusa del Corano in lingua italiana, sulle problematiche relative alla traduzione in italiano del Corano. Infine Giovanni Sarubbi, direttore della rivista on line  ildialogo.org , ci propone alcuni articoli (di segno diverso) pubblicati sulla stampa italiana in relazione ai musulmani nel nostro Paese. Questo programma, che ha un'evidente valenza di servizio pubblico, e' frutto di un convegno della serie "disabilita il pregiudizio" che si e' svolto a Firenze nell'ottobre del 2015, promosso da Radio Voce della Speranza con il contributo dell'otto per mille della Chiesa avventista e prende le mosse dalla constatazione di un deficit di formazione e informazione da parte del sistema radiotelevisivo pubblico, che ci auguriamo sia presto superato rendendo superflue queste trasmissioni offerte gratuitamente da un'emittente evangelica, nello spirito della famosa frase di Gesu' "tutte le cose che voi volete che gli uomini vi facciano, fatelo anche voi a loro, perche' questa e' la legge e i profeti" (Mt 7,12)

Leggiamo insieme: "L'imbecillita' e' una cosa seria"

Leggiamo insieme: "L'imbecillita' e' una cosa seria"

"A lungo l'umanita' si e' considerata perfetta, attribuendo le proprie eventuali defaillances all'alienazione portata dalla tecnica o all'azione di entita' arcane e malvagie come il Capitale e l'Europa. Ma sarebbe bastato un esame di coscienza per capire che il problema era un altro: l'imbecillita', dentro e fuori di noi. L'imbecillita' e' una cosa seria, a cui sinora non si e' dato che uno sguardo distratto, come fosse una cosa per pochi e, soprattutto, per altri. Non e' cosi', e, appena ce ne accorgiamo, i conti tornano, nell'economia, nella societa' e nella storia. Parte da qui l'irresistibile riflessione del filosofo su questa imbarazzante caratteristica dell'umano. Ce n'e' per chiunque: per i titani del pensiero, per i giganti indiscussi della letteratura, per i protagonisti della storia universale. L'umano, insomma, e' essenzialmente (e non accidentalmente) un imbecille. Ed e' di qui, solo di qui, dal sentirci tutti lambiti dalla grande ala dell'imbecillita', che ha origine il progresso, la lunga avanzata dell'umanita' verso il bene - ossia, la sua fuga senza fine dall'imbecillita'." In questo numero di "Leggiamo insieme" Maurizio Ferraris, filosofo e accademico italiano, dal 1995 professore ordinario di Filosofia Teoretica presso il Dipartimento di Filosofia e Scienze dell'Educazione dell'Universita' di Torino, e' stato intervistato da Roberto Vacca riguardo al saggio pubblicato dallo stesso professore nel 2016, dal titolo "L'imbecillita' e' una cosa seria" (ed. Il Mulino). &nbsp

Leggiamo insieme: "Uomo, natura, animali"

Leggiamo insieme: "Uomo, natura, animali"

Guardare alla bioetica nell’orizzonte della complessita' significa proporre un collegamento tra le sue diverse dimensioni: quella medica, che riguarda la nascita dell’uomo, la sua salute, la sua morte dinanzi alle nuove possibilita' offerte dalle biotecnologie; quella ambientale, che s’interessa alle questioni di valore connesse alle conseguenze pratiche del rapporto tra l’uomo e la natura; quella animale, che si occupa degli aspetti morali, sociali, giuridici delle relazioni dell’uomo con le altre specie. La riflessione filosofica e' chiamata a un confronto critico con le diverse scienze della vita, dalla biologia alla medicina umana e veterinaria, dall’ecologia all’etologia. Da qui una serie di interrogativi, per molti aspetti inediti: quali sono i confini del nostro universo morale? Quali le nuove frontiere della giustizia? Come raccordare gli interessi dell’umanità attuale con quelli delle generazioni future, dell’ambiente e delle altre specie? La risposta e' in un umanesimo capace di andare oltre le mura della Citta' dell’uomo, nel riconoscimento dei nuovi soggetti che appartengono anch’essi alla comunità di vita della terra. In questo numero di "Leggiamo insieme" Luisella Battaglia, professore ordinario di Filosofia Morale e Bioetica all'Universita' degli Studi di Genova e Suor Orsola Benincasa di Napoli, e' stata intervistata da Roberto Vacca in occasione della presentazione alla Facolta' avventista di teologia di Firenze lo scorso 15 febbraio 2017, del saggio da lei curato "Uomo, natura, animali. Per una bioetica della complessita'" (Edizioni Altravista, 2016). La professoressa Battaglia ha fondato a Genova l’Istituto Italiano di Bioetica, di cui e' direttore scientifico ed e' membro, dal 1999, del Comitato Nazionale per la Bioetica

In nome di Dio, clemente e misericordioso 09

In nome di Dio, clemente e misericordioso 09

In onda il 22 febbraio 2017 su RVS-Firenze la nona puntata della serie dal titolo "In nome di Dio, clemente e misericordioso". Si tratta di una serie di trasmissioni con cadenza quindicinale che cerca di portare all'attenzione dell'opinione pubblica l'esigenza di conoscere meglio la realta' della fede islamica, cosi' come e' vissuta concretamente da migliaia di persone nelle nostre citta', con semplicita' e devozione. Si inserisce nel tentativo promosso da tante associazioni e movimenti cristiani e laici di allentare le tensioni provocate dalla sensazione di "diversita'", spesso esasperata da terribili fatti criminali che colpiscono tutti, i musulmani innanzitutto, e che rischiano di far deragliare il processo di convivenza tra fedi e culture diverse nel nostro Paese. La trasmissione e' realizzata in collaborazione con i giovani della comunita' islamica di Firenze e si compone di tre "sezioni": "l'ABC dell'Islam", "facciamo chiarezza" e "uno sguardo ai giornali".  In questa puntata nella prima parte Claudio Coppini intervista sull'importanza dei libri sacri - il Corano, ma anche la Bibbia -  Hamdan Al Zeqri, giovane yemenita che vive in Italia ormai da 13 anni, mediatore culturale, insegnante di lingua araba e animatore dei giovani della comunità islamica fiorentina. In sua compagnia, Meriem Sahi, studentessa alla Facolta' di Farmacia dell'universita' di Firenze, ci da' una testimonianza della sua fede, a cominciare dal ruolo che ha svolto la comunita' musulmana locale e la lettura del Corano nella sua esperienza spirituale. Per "Facciamo chiarezza" presentiamo una breve intervista a Hamza Piccardo, gia' segretario generale dell'UCOII, autore della traduzione piu' diffusa del Corano in lingua italiana e attualmente segretario del comitato promotore della Costituente islamica, a proposito del fraintendimento comune del termine jihad, spesso inteso come atteggiamento aggressivo e intollerante verso tutti coloro che non sono musulmani. Infine Giovanni Sarubbi, direttore della rivista on line  ildialogo.org , ci propone alcuni articoli (di segno diverso) pubblicati sulla stampa italiana in relazione ai musulmani nel nostro Paese. Questo programma, che ha un'evidente valenza di servizio pubblico, e' frutto di un convegno della serie "disabilita il pregiudizio" che si e' svolto a Firenze nell'ottobre del 2015, promosso da Radio Voce della Speranza con il contributo dell'otto per mille della Chiesa avventista e prende le mosse dalla constatazione di un deficit di formazione e informazione da parte del sistema radiotelevisivo pubblico, che ci auguriamo sia presto superato rendendo superflue queste trasmissioni offerte gratuitamente da un'emittente evangelica, nello spirito della famosa frase di Gesu' "tutte le cose che voi volete che gli uomini vi facciano, fatelo anche voi a loro, perche' questa e' la legge e i profeti" (Mt 7,12) &nbsp

Filo Diretto 110 - FC - Due nomi una persona

Filo Diretto 110 - FC - Due nomi una persona

Filo Diretto 110 - FC: Registrazioni dal vivo dalle comunità avventiste in Italia. In questa puntata:  Con il testo di Genesi 32:27-28, Mila Oliynyk studentessa di Teologia  della Facoltà Avventista di Villa Aurora a Firenze, ha presentato la storia di Giacobbe in una veste nuova, in una veste, dove ognuno di noi può riconoscersi, dove l'incontro con il Signore forgia la nostra identità. Mila conclude la sua meditazione con un appello alla comunità ricordandoci che il Signore è Dio della nostra conversione ma anche di quella parte di noi più nascosta. La predicazione è stata presentata sabato 18/02/2017 presso la Chiesa Cristiana Avventista del settimo giorno di Forlì

Filo Diretto 109 - FC - Io sono con voi tutti i giorni

Filo Diretto 109 - FC - Io sono con voi tutti i giorni

Filo Diretto 109 - FC: Registrazioni dal vivo dalle comunità avventiste in Italia. In questa puntata:  Con il testo di Matteo 28:20, Claudio Marangone ricorda la promessa che Gesù  fece ai suoi discepoli, una promessa che non ha smesso di essere tale perchè finirà al Suo ritorno ...Io sono con voi fino alla fine del mondo. Nel sermone non mancano accenni all'antico testamento, alla storia di Daniele e i suoi compagni ma anche ai tempi finali... La predicazione è stata presentata sabato 11/02/2017 presso la Chiesa Cristiana Avventista del settimo giorno di Forlì

In nome di Dio, clemente e misericordioso 08

In nome di Dio, clemente e misericordioso 08

In onda l'8 febbraio 2017 su RVS-Firenze l'ottava puntata della serie dal titolo "In nome di Dio, clemente e misericordioso". Si tratta di una serie di trasmissioni con cadenza quindicinale che cerca di portare all'attenzione dell'opinione pubblica l'esigenza di conoscere meglio la realta' della fede islamica, cosi' come e' vissuta concretamente da migliaia di persone nelle nostre citta', con semplicita' e devozione. Si inserisce nel tentativo promosso da tante associazioni e movimenti cristiani e laici di allentare le tensioni provocate dalla sensazione di "diversita'", spesso esasperata da terribili fatti criminali che colpiscono tutti, i musulmani innanzitutto, e che rischiano di far deragliare il processo di convivenza tra fedi e culture diverse nel nostro Paese. La trasmissione e' realizzata in collaborazione con i giovani della comunita' islamica di Firenze e si compone di tre "sezioni": "l'ABC dell'Islam", "facciamo chiarezza" e "uno sguardo ai giornali".  In questa puntata nella prima parte Claudio Coppini intervista sul ruolo dei profetti - anche quelli biblici -  Hamdan Al Zeqri, giovane yemenita che vive in Italia ormai da 13 anni, mediatore culturale, insegnante di lingua araba e animatore dei giovani della comunità islamica fiorentina. In sua compagnia, Meriem Sahi, studentessa alla Facolta' di Farmacia dell'universita' di Firenze, ci da' una testimonianza della sua fede, a cominciare dal significato  del velo nella sua esperienza di giovane donna musulmana. Per "Facciamo chiarezza" presentiamo una breve intervista a Izzedin Elzir, Imam di Firenze e presidente dell'UCOII,  a proposito dei recenti sviluppi nei rapporti tra le comunita' musulmane e la societa' italiana, a partire dall'esperienza locale fino al recente "patto" tra lo Stato e la maggioranza delle comunita' musulmane italiane. Infine Giovanni Sarubbi, direttore della rivista on line  ildialogo.org , ci propone un appello elaborato dal "Comitato promotore nazionale della giornata del dialogo cristiano-islamico" e rivolto a tutti gli uomini di buona volonta',  a seguito dei gravi fatti avvenuti nel corso della settimana. Questo programma, che ha un'evidente valenza di servizio pubblico, e' frutto di un convegno della serie "disabilita il pregiudizio" che si e' svolto a Firenze nell'ottobre del 2015, promosso da Radio Voce della Speranza con il contributo dell'otto per mille della Chiesa avventista e prende le mosse dalla constatazione di un deficit di formazione e informazione da parte del sistema radiotelevisivo pubblico, che ci auguriamo sia presto superato rendendo superflue queste trasmissioni offerte gratuitamente da un'emittente evangelica, nello spirito della famosa frase di Gesu' "tutte le cose che voi volete che gli uomini vi facciano, fatelo anche voi a loro, perche' questa e' la legge e i profeti" (Mt 7,12) &nbsp

Filo Diretto 108 - FC - Costruttori sulla roccia o sulla sabbia

Filo Diretto 108 - FC - Costruttori sulla roccia o sulla sabbia

Filo Diretto 108 - FC: Registrazioni dal vivo dalle comunità avventiste in Italia. In questa puntata:  Il pastore Roberto Iannò introduce il tema del sermone dedicato alla Settimana della Famiglia lasciando poi la parola ai coniugi Andrea Rutelli e Gabriella Martello che con il testo di Matteo 7:24-27 esorteranno attraverso citazioni e riflessioni le coppie, dove marito e moglie in una sola carne possono riuscire a condividere gioie e dolori proprio perchè i due hanno deciso di costruire la propria famiglia su una superfice solida come una roccia. La predicazione è stata presentata sabato 04/02/2017 presso la Chiesa Cristiana Avventista del settimo giorno di Forlì

In nome di Dio, clemente e misericordioso 07

In nome di Dio, clemente e misericordioso 07

In onda il 25 gennaio 2017 su RVS-Firenze la settima puntata della serie dal titolo "In nome di Dio, clemente e misericordioso". Si tratta di una serie di trasmissioni con cadenza quindicinale che cerca di portare all'attenzione dell'opinione pubblica l'esigenza di conoscere meglio la realta' della fede islamica, cosi' come e' vissuta concretamente da migliaia di persone nelle nostre citta', con semplicita' e devozione. Si inserisce nel tentativo promosso da tante associazioni e movimenti cristiani e laici di allentare le tensioni provocate dalla sensazione di "diversita'", spesso esasperata da terribili fatti criminali che colpiscono tutti, i musulmani innanzitutto, e che rischiano di far deragliare il processo di convivenza tra fedi e culture diverse nel nostro Paese. La trasmissione e' realizzata in collaborazione con i giovani della comunita' islamica di Firenze e si compone di tre "sezioni": "l'ABC dell'Islam", "facciamo chiarezza" e "uno sguardo ai giornali".  In questa puntata nella prima parte Claudio Coppini intervista sul ruolo degli angeli nella fede islamica,  Ibrahim Ali, rappresentante dei giovani della comunita' islamica fiorentina, studente di ortottica, e Hamdan Al Zeqri, giovane yemenita che vive in Italia ormai da 13 anni, mediatore culturale, insegnante di lingua araba e animatore dei giovani della comunità islamica fiorentina. Per "Facciamo chiarezza" presentiamo una breve intervista al sociologo cattolico Marco Bontempi sulle potenzialita' del dialogo cristiano-islamico. Infine Giovanni Sarubbi, direttore della rivista on line  ildialogo.org , ci propone alcuni articoli (di segno diverso) pubblicati sulla stampa italiana in relazione ai musulmani nel nostro Paese. Questo programma, che ha un'evidente valenza di servizio pubblico, e' frutto di un convegno della serie "disabilita il pregiudizio" che si e' svolto a Firenze nell'ottobre del 2015, promosso da Radio Voce della Speranza con il contributo dell'otto per mille della Chiesa avventista e prende le mosse dalla constatazione di un deficit di formazione e informazione da parte del sistema radiotelevisivo pubblico, che ci auguriamo sia presto superato rendendo superflue queste trasmissioni offerte gratuitamente da un'emittente evangelica, nello spirito della famosa frase di Gesu' "tutte le cose che voi volete che gli uomini vi facciano, fatelo anche voi a loro, perche' questa e' la legge e i profeti" (Mt 7,12)

Riflettiamo Insieme - Incontro Ecumenico 2017 Forlì

Riflettiamo Insieme - Incontro Ecumenico 2017 Forlì

Riflettiamo Insieme FC: Registrazioni dal vivo dalle comunità avventiste in Italia. In questa puntata: avremo l'occasione di ascoltare "l'incontro Ecumenico di Preghiera e di Ascolto della Parola di Dio" Questo era il titolo introduttivo della meditazione serale dell'evento. Tema e testo biblico introduttivo 2 Corinzi 5:14-20 ...L'Amore di Cristo ci spinge verso la Riconciliazione. Il momento riflessivo è stato presentato dal pastore Roberto Ianno (chiesa Avventista) - don Enrico Casadio (chiesa Cattolica) - padre Florin Hanis (chiesa Ortodossa Rumena). Hanno partecipato all'incontro i membri delle comunità rappresentate, il pastore Rolando Rizzo e don Sergio Sala. L'incontro si è svolto venerdì 20/01/2017 presso la Chiesa Cristiana Avventista del settimo giorno di Forlì

Filo Diretto 107 - FC - Il valore di una Riforma

Filo Diretto 107 - FC - Il valore di una Riforma

Filo Diretto 107 - FC: Registrazioni dal vivo dalle comunità avventiste in Italia. In questa puntata: Con il testo introduttivo di Efesini 4:11-15 il pastore Rolando Rizzo ha voluto presentare il grande valore della Riforma, Protestante innanzi tutto, ma anche quanta strada, quanto cammino, e quante vicissitudini si sono susseguite già fin dalla nascita del Cristianesimo. Un interessante panoramica sui momenti di buio e luce per afferrare la Verità che ci renderà liberi. La predicazione è stata presentata sabato 14/01/2017 presso la Chiesa Cristiana Avventista del settimo giorno di Forlì

Incontro con Stefano Corsi dei Whisky Trail

Incontro con Stefano Corsi dei Whisky Trail

La musica irlandese, e piu' in generale la musica celtica, e' ricca di suggestioni culturali ma anche spirituali. E' stata questa l'esperienza di Stefano Corsi, uno dei fondatori dei Whisky Trail, una formazione che dagli anni 70 studia e ripropone in termini personali una musica che affonda le sue radici in un passato antichissimo, dove l'amore per la natura, la resistenza all'oppressore e i valori della fede s'intrecciano in un risultato musicale ancora oggi molto apprezzato. Intervista a Stefano Corsi a cura di Roberto Vacca &nbsp

In nome di Dio, clemente e misericordioso 06

In nome di Dio, clemente e misericordioso 06

In onda l'11 gennaio 2017 su RVS-Firenze la sesta puntata della serie dal titolo "In nome di Dio, clemente e misericordioso". Si tratta di una serie di trasmissioni con cadenza quindicinale che cerca di portare all'attenzione dell'opinione pubblica l'esigenza di conoscere meglio la realta' della fede islamica, cosi' come e' vissuta concretamente da migliaia di persone nelle nostre citta', con semplicita' e devozione. Si inserisce nel tentativo promosso da tante associazioni e movimenti cristiani e laici di allentare le tensioni provocate dalla sensazione di "diversita'", spesso esasperata da terribili fatti criminali che colpiscono tutti, i musulmani innanzitutto, e che rischiano di far deragliare il processo di convivenza tra fedi e culture diverse nel nostro Paese. La trasmissione e' realizzata in collaborazione con i giovani della comunita' islamica di Firenze e si compone di tre "sezioni": "l'ABC dell'Islam", "facciamo chiarezza" e "uno sguardo ai giornali".  In questa puntata nella prima parte Claudio Coppini intervista sul tema dell'esistenza e dell'unicita' di Dio  Ibrahim Ali, rappresentante dei giovani della comunita' islamica fiorentina, studente di ortottica, e Hamdan Alzeqri, giovane yemenita che vive in Italia ormai da 13 anni, mediatore culturale, insegnante di lingua araba e animatore dei giovani della comunità islamica fiorentina. Per "Facciamo chiarezza" presentiamo una breve intervista a Selma Ghrewati, coordinatrice del progetto Aisha di Milano, sul ruolo della donna nell'Islam e su come l'associazione aiuta le donne vittime di violenza. Infine Giovanni Sarubbi, direttore della rivista on line  ildialogo.org , ci propone alcuni articoli (di segno diverso) pubblicati sulla stampa italiana in relazione ai musulmani nel nostro Paese. Questo programma, che ha un'evidente valenza di servizio pubblico, e' frutto di un convegno della serie "disabilita il pregiudizio" che si e' svolto a Firenze nell'ottobre del 2015, promosso da Radio Voce della Speranza con il contributo dell'otto per mille della Chiesa avventista e prende le mosse dalla constatazione di un deficit di formazione e informazione da parte del sistema radiotelevisivo pubblico, che ci auguriamo sia presto superato rendendo superflue queste trasmissioni offerte gratuitamente da un'emittente evangelica, nello spirito della famosa frase di Gesu' "tutte le cose che voi volete che gli uomini vi facciano, fatelo anche voi a loro, perche' questa e' la legge e i profeti" (Mt 7,12)

Paolo Lamuraglia premiato alla biennale internazionale della fotografia di Jinan

Paolo Lamuraglia premiato alla biennale internazionale della fotografia di Jinan

Il 10 novembre 2016 ha aperto i battenti la sesta edizione della biennale internazionale della fotografia di Jinan, svoltasi con la presidenza dell'artista cinese Pan Lusheng e la direzione artistica di Zeng Yi, fotografo cinese di fama internazionale. Alla biennale hanno partecipato artisti provenienti da piu' di 35 nazioni tra le quali Albania, Italia, Spagna, Turchia, Stati Uniti, India, Germania, Francia, Olanda e Inghilterra, insieme ad un gruppo selezionato di studenti delle tre prestigiose accademie di Brera, di Tirana e di Pechino. Curatori della sezione internazionale della biennale sono stati l'artista italo albanese (fiorentino di adozione) Alfref Milot Mirashi, e Melsi Labi, direttore del Museo Nazionale di Tirana. All'apertura della cerimonia, il curatore Alfred Milot Mirashi e' stato nominato professore associato per tre anni all'Universita' di Shandong. Tra gli artisti italiani selezionati il fiorentino Paolo Lamuraglia, il quale ha ricevuto il riconoscimento "Excellent Photograper Award". Una delle sue immagini scelte (sia per la mostra che per il relativo catalogo) e' stata scattata durante l’esposizione temporanea di Jean Fabre al Forte Belvedere. Paolo Lamuraglia realizza il proprio lavoro attraverso varie forme espressive che spaziano dall’artigianato, all’immagine e alla musica. Ha collaborato professionalmente con agenzie di grafica, per progetti editoriali giornalistici, artistici e pubblicato libri fotografici. Si e' occupato per diversi anni anche della fotografia di scena per spettacoli teatrali collaborando con diverse compagnie teatrali. Ha partecipato a mostre personali e collettive. Roberto Vacca lo intervista per questo numero di "Sfogliando il giornale"

La Riforma protestante nell’Europa del Cinquecento

La Riforma protestante nell’Europa del Cinquecento

In questo numero di "Leggiamo insieme"  presentiamo l'ultimo saggio storico di Lucia Felici,  professore associato di Storia moderna all’Universita' degli Studi di Firenze, dal titolo: "La Riforma protestante nell’Europa del Cinquecento" (ed. Carrocci, 2016). La Riforma protestante cambio' il volto dell’Europa e il corso della storia mondiale. Dalla protesta di Martin Lutero nel 1517 nacquero nuove Chiese, Stati, idee, valori che trasformarono radicalmente il quadro tradizionale della societa' cristiana e che si pongono all’origine del mondo moderno. Lungo e difficile e' stato il processo di cambiamento, costellato da guerre, persecuzioni, controversie. Ma l’affermazione di principi per noi fondamentali, quali la liberta', la tolleranza, la convivenza confessionale, la secolarizzazione dello Stato e della societa', e' frutto di tale cammino. Il volume ne ricostruisce la genesi, illustrando la storia della Riforma protestante nei suoi aspetti dottrinali, politici, sociali, culturali, nella sua articolazione confessionale e nella sua estensione europea. Una particolare attenzione e' dedicata all’Italia, dove il movimento riformatore fu fenomeno di grande rilievo, benche' di breve durata. Scopo dell’autrice e' offrire un quadro sintetico ma completo della Riforma, sinora mai realizzato, e metterne in luce il significato epocale. &nbsp

In nome di Dio, clemente e misericordioso 05

In nome di Dio, clemente e misericordioso 05

In onda il 14 dicembre 2016 su RVS-Firenze la quinta puntata della serie dal titolo "In nome di Dio, clemente e misericordioso". Si tratta di una serie di trasmissioni con cadenza quindicinale che cerca di portare all'attenzione dell'opinione pubblica l'esigenza di conoscere meglio la realta' della fede islamica, cosi' come e' vissuta concretamente da migliaia di persone nelle nostre citta', con semplicita' e devozione. Si inserisce nel tentativo promosso da tante associazioni e movimenti cristiani e laici di allentare le tensioni provocate dalla sensazione di "diversita'", spesso esasperata da terribili fatti criminali che colpiscono tutti, i musulmani innanzitutto, e che rischiano di far deragliare il processo di convivenza tra fedi e culture diverse nel nostro Paese. La trasmissione e' realizzata in collaborazione con i giovani della comunita' islamica di Firenze e si compone di tre "sezioni": "l'ABC dell'Islam", "facciamo chiarezza" e "uno sguardo ai giornali".  In questa puntata nella prima parte Claudio Coppini intervista sul pellegrinaggio a La Mecca, quinto "pilastro" della fede islamica, Yasmin Alreis, studentessa di ingegneria, responsabile della sezione giovani musulmani italiani e Hamdan Alzeqri, giovane yemenita che vive in Italia ormai da 13 anni, mediatore culturale, insegnante di lingua araba e animatore dei giovani della comunità islamica fiorentina. Per "Facciamo chiarezza" presentiamo una breve intervista a Mostafa El-Ayoubi, caporedattore del mensile Confronti, sul tema "democrazia e Islam". Infine Giovanni Sarubbi, direttore della rivista on line  ildialogo.org , ci propone alcuni articoli (di segno diverso) pubblicati sulla stampa italiana in relazione ai musulmani nel nostro Paese. Questo programma, che ha un'evidente valenza di servizio pubblico, e' frutto di un convegno della serie "disabilita il pregiudizio" che si e' svolto a Firenze nell'ottobre del 2015, promosso da Radio Voce della Speranza con il contributo dell'otto per mille della Chiesa avventista e prende le mosse dalla constatazione di un deficit di formazione e informazione da parte del sistema radiotelevisivo pubblico, che ci auguriamo sia presto superato rendendo superflue queste trasmissioni offerte gratuitamente da un'emittente evangelica, nello spirito della famosa frase di Gesu' "tutte le cose che voi volete che gli uomini vi facciano, fatelo anche voi a loro, perche' questa e' la legge e i profeti" (Mt 7,12) &nbsp

Pagina 1 di 3212345...102030...Ultima »