Interviste e/o programmi sulla Solidarietà

Radio-Emergency: fermata all'ambulatorio di Napoli

Radio-Emergency: fermata all'ambulatorio di Napoli

In questa puntata del mese di agosto di Radio-Emergency abbiamo avuto un interessantissimo collegamento con Andrea Belfiore, referente dell'ambulatorio Emergency di Napoli, e con Crescenzo Caiazza, infermiere presso lo stesso ambulatorio. L'edificio che ospita l'ambulatorio e' stato messo a disposizione dal Comune di Napoli, poi ristrutturato ed equipaggiato anche grazie al contributo della Tavola Valdese, della campagna SMS solidale e di un contributo speciale di 35000 euro donato dalla famiglia di Carlo Giuliani. L'ambulatorio offre gratuitamente servizi di medicina di base, supporto psicologico e di orientamento socio-sanitario per facilitare l'accesso al sistema sanitario a chi ne ha bisogno. E' inoltre disponibile un ambulatorio infermieristico per iniezioni, controllo parametri vitali, monitoraggio della terapia e medicazioni. E' aperto dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18. Parlando con Andrea e Crescenzo sono emerse tanti altri ambiti di azione, compresi quelli di supporto culturale sull'alimentazione che lo staff dell'ambulatorio si impegna a promuovere in un quartiere come quello di Ponticelli in cui e' situato. Radio-Emergency è un programma ideato e condotto da Claudio Coppini e Nicola Garcea, volontario di Emergency

Emergency a Catania per l'incontro nazionale 2017

Emergency a Catania per l'incontro nazionale 2017

Per l'incontro nazionale 2017 abbiamo pensato ad una puntata speciale di Radio-Emergency, con un collegamento telefonico in diretta con il nostro inviato Nicola Garcea da Catania. Il collegamento è andato in onda anche live su Facebook, con i conduttori Claudio Coppini e Roberto Vacca in video, Marco Zanini in regia e le voci da Catania... (e' possibile visualizzare il video e condividerlo sulla pagina FB Radio Voce della Speranza - Firenze). Nicola ci ha aggiornato sul programma della tre giorni e nel corso della trasmissione sono intervenuti da Catania Massimo Colvagi, volontario dell'associazione da undici anni, e Christian Elia, giornalista, da tempo impegnato contro la guerra. Radio-Emergency e' un programma ideato e condotto da Claudio Coppini e Nicola Garcea, storico volontario di Emergency, e va in onda ogni secondo martedi' del mese a partire dall'anno

A tu per tu con Giovanni Benini: container per il Burkina Faso; lotta alla desertificazione

A tu per tu con Giovanni Benini: container per il Burkina Faso; lotta alla desertificazione

In questo numero di "A tu per tu" parliamo con Giovanni Benini, uno dei responsabili di Reach Italia, associazione che si occupa principalmente di fornire sostegno a distanza ai bambini, principalmente africani. Negli studi di Rvs e' giunto un comunicato di Reach Italia, che commentiamo e approfondiamo con Giovanni Benini: "Le attivita' di recupero delle terre, e la scuola di formazione e officina meccanica, due servizi importanti di cooperazione allo sviluppo che Reach Italia promuove, hanno regolarmente bisogno di pezzi di ricambio e/o di materiale nuovo per continuare la propria attivita'. Per questo motivo anche quest'anno stiamo organizzando un container per il Burkina Faso. La partenza e' anticipata, ed e' programmata per fine settembre. Abbiamo bisogno di fare arrivare tutto a destinazione entro dicembre 2017". Materiale richiesto: biciclette, vestiti, scarpe, materiale da sport (palloni ad esempio), materiale scolastico, computer usati, materassi, lenzuola, coperte, ecc. In questa intervista a Giovanni Benini abbiamo parlato anche di lotta alla desertificazione, un fenomeno che "implica il degrado del suolo che si riflette sull'ecosistema e sulle condizioni di vita umana mettendo a rischio la sicurezza alimentare". Secondo l'Onu e' indispensabile un cambiamento delle nostre pratiche di uso del suolo attraverso l'agricoltura sostenibile e l'adattamento ai cambiamenti climatici. Secondo gli studiosi nel 2020, a causa della desertificazione, circa 60 milioni di persone migreranno dall'Africa subsahariana verso l'Africa settentrionale e l'Europa. Il 17 giugno si e' celebrata la Giornata mondiale per la lotta alla desertificazione, che ha l'obiettivo di porre in primo piano questo grave problema, per intensificare gli sforzi volti a contrastare gli effetti della siccita' e per promuovere l'attuazione della convenzione delle Nazioni Unite contro la desertificazione (Unccd)

L’Altro Binario: "Giornata mondiale del rifugiato"

L’Altro Binario: "Giornata mondiale del rifugiato"

In compagnia dei conduttori Roberto Vacca e Claudio Coppini, in occasione della giornata mondiale del rifugiato hanno partecipato all'AltroBinario Alberto Negri, inviato del Sole 24 Ore e in diretta dall'Iraq  Michael-John Von Horsten, direttore di un ospedale situato all'interno della tendopoli nei pressi di Mosul, dove infuria in questi giorni una sanguinosa battaglia contro il Califfato. L'ospedale e' stato allestito ed e' gestito da Adventist Help e da ADRA (l'agenzia mondiale per lo sviluppo e il soccorso della chiesa avventista). Nel corso del programma abbiamo avuto  in collegamento telefonico Dag Pontvik, direttore di Adra Italia, con il quale abbiamo parlato del progetto ADRA a Castel Volturno e dell'esperienza particolare della chiesa avventista locale, costituita perlopiu' da uomini e donne di nazionalita' ghanese arrivati nel nostro Paese dopo grandi sofferenze

A tu per tu: vite trasformate

A tu per tu: vite trasformate

  In questo numero di "A tu per tu" parliamo con Anna Quaranta, della chiesa Nuova Vita di Bologna, sul ministero "Vite trasformate", un servizio cristiano a favore delle ragazze costrette alla prostituzione nato nel 2011. Anna ci illustra gli obiettivi di questo servizio e di come avvenga l'approccio con le ragazze. In seguito sentiamo la testimonianza di Cristina, che ci parla della reazione delle ragazze e dei risultati conseguiti finora,  mentre Katia della Chiesa Logos di Firenze ci parla delle "uscite" a Firenze e del servizio che si va strutturando nella città toscana. Natalie  (Firenze) ci parla dei suoi timori ma anche del potere della preghiera che accompagna e tutela gli operatori di Vite trasformate. Infine Cristina rivolge un appello ai cosiddetti "clienti"

Radio Emergency in diretta dall'Iraq

Radio Emergency in diretta dall'Iraq

La trasmissione di oggi ci ha portato via skype a intervistare in diretta dall'Iraq Giacomo Menaldo, ingegnere, programme manager di Emergency in Iraq, con il quale abbiamo parlato della situazione dei campi profughi, della citta' di Mosul e del ripristino dell'ospedale di Erbil, che fino a tre mesi fa era un ospedale pubblico ma fatiscente, con numerosi macchinari nuovi e inutilizzati, accatastati in magazzini polverosi. Emergency in questi mesi lo ha rimesso in funzione e adesso ha 80 posti letto, stanze dignitose e con un cortile dove alcuni pazienti possono prendere un po' d'aria. Ma la presenza di Emergency e dei suoi ospedali e centri di riabilitazione non si ferma all'assistenza sanitaria, ma svolge un compito fondamentale nella prevenzione e formazione, seminando cultura. Abbiamo avuto anche un altro ospite a Radio-Emergency: Roberto Cerino, infermiere rientrato da poco in Italia dall'ospedale di Erbil. Roberto ci ha raccontato anche la storia a lieto fine di un bambino giunto da solo ferito in ospedale. Quindi una vicenda triste due volte, ma che grazie ad una serie di ricerche ha portato al ricongiungimento familiare. Radio-Emergency è un programma ideato e condotto da Claudio Coppini e Nicola Garcea che va in onda ogni secondo martedi' del mese dal 2011. &nbsp

A tu per tu con Tiziana Testagrossa (ass. Kyrios), sul progetto "Save the Food"

A tu per tu con Tiziana Testagrossa (ass. Kyrios), sul progetto "Save the Food"

In questo numero di "A tu per tu" parliamo con Tiziana Testagrossa, volontaria dell'associazione Kyrios. Argomento dell'intervista il progetto, organizzato dalla stessa associazione, Save the Food: letteralmente "salva il cibo", al fine di distribuirlo a cittadini in difficolta'. Lo spreco di cibo nel nostro paese e' una questione estremamente grave: solo nel settore della ristorazione, in un anno l'eccedenza alimentare arriva a 209 tonnellate di cibo. Di questo, solo il 9% viene offerto ad associazioni per offrirlo agli indigenti. Il progetto Save the Food consiste nel ritirare da mense e ristoranti il cibo avanzato e ridistribuirlo entro 48 ore, l'associazione Kyrios provvede a consegnarlo a domicilio

Polistena: un bel progetto con Libera, Emergency e altre realta' associative del territorio

Polistena: un bel progetto con Libera, Emergency e altre realta' associative del territorio

In questa nuova puntata di Radio-Emergency i due conduttori, Nicola Garcea, storico volontario dell'associazone fondata da Gino Strada, e Claudio Coppini di Radio RVS Firenze, intervistano Alessia Mancuso Prizzitano, coordinatrice del Poliambulatorio Emergency di Polistena (RC), per parlarci di un progetto avviato nel 2013 che vede collaborare insieme: Libera, la cooperativa Valle del Marro, Emergency, la parrocchia di Santa Marina Vergine e "La Fondazione Il cuore si scioglie"di Unicoop Firenze e la rete di associazioni anti-mafia Libera. Nel corso del programma abbiamo ascoltato anche una breve intervista ad Andrea Bigalli, referente di Libera per la Toscana, che conosce bene il progetto di Polistena e il lavoro che svolge la Cooperativa Valle del Marro. All'interno della trasmissione anche un simpatico spot dedicato a Radio Voce della Speranza, che Cecilia Strada ha improvvisato al termine della sua partecipazione a Radio-Emergency di marzo

Radio-Emergency: Claudio Coppini intervista Cecilia Strada

Radio-Emergency: Claudio Coppini intervista Cecilia Strada

Come sempre il primo martedì del mese Radio Voce della Speranza diventa Radio-Emergency. In questa puntata della trasmissione che da' spazio all'associazione fondata da Gino Strada, Claudio Coppini ha intervistato Cecilia Strada, presidente di Emergency. Una chiacchierata molto interessante, nella quale Cecilia ha illustrato alcuni tra i vari progetti che Emergency porta avanti in tutto il mondo, compresa l'Italia stessa. &nbsp

Facciamo il punto dopo un anno di Emergency a Castelvolturno

Facciamo il punto dopo un anno di Emergency a Castelvolturno

In questa nuova puntata di Radio-Emergency i due conduttori, Nicola Garcea, storico volontario dell'associazone fondata da Gino Strada, e Claudio Coppini di Radio RVS Firenze, intervistano Loredana Carpentieri - che fino a dicembre scorso ha svolto il compito di mediatrice culturale a Castelvolturno nell'ambito del progetto di Emergency - e Sergio Serraino, attuale coordinatore del progetto. Un interessante e in certi momenti toccante racconto, il loro, sulle situazioni di un territorio complesso e degradato che vede tante persone, di diverse nazionalita', socialmente e culturalmente fragili e facilmente sfruttabili. Loredana adesso opera a Milano dove e' partito il progetto con il Politruck

L'Altro-Binario, fermata carcere 10

L'Altro-Binario, fermata carcere 10

Una puntata de L'Altro-binario fermata carcere speciale, quella odierna, che ci racconta un'esperienza trentennale davvero stimolante per gli obiettivi raggiunti. Ospite in collegamento telefonico dal carcere di Volterra, Armando Punzo, animatore e motore di un'esperienza teatrale e umana, di livello europeo, che ha trovato nel carcere di Volterra un terreno pilota fertile, che nel tempo ha costruito una compagnia di detenuti-attori di alto livello artistico, "La Compagnia della Fortezza". Insieme ai due conduttori, Claudio Coppini e Roberto Vacca, un altro ospite in trasmissione, Severino Saccardi, direttore della rivista Testimonianze e attento osservatore della situazione carceraria della Toscana, che sottolinea l'importanza fondamentale di esperienze di questo tipo per dare al carcere il senso vero che gli attribuisce l'articolo 27 della Costituzione

Vite trasformate

Vite trasformate

  In questo numero de "L'Altro Binario"  parliamo con Anna Quaranta, della chiesa Nuova Vita di Bologna, sul ministero "Vite trasformate", un servizio cristiano a favore delle ragazze costrette alla prostituzione. Anna - tra i fondatori di questo servizio a Bologna - ci racconta di come avvenga l'approccio alle ragazze, di come la preghiera abbia sin dall'inizio accompagnato questo impegno, e dei risultati sorprendenti che si verificano. Perche' lo Spirito di Dio e' davvero in grado di trasformare le vite di ogni uomo e di ogni donna, in qualunque condizione si trovi. &nbsp

Il Poliambulatorio di Emergency a Sassari compie un anno

Il Poliambulatorio di Emergency a Sassari compie un anno

In questa puntata di Radio-Emergency riprendiamo a parlare del Programma Italia e questa volta "voliamo" nella bellissima Sardegna, per parlare con Sara Chessa, infermiera e referente del Progetto del Poliambulatorio di Emergency a Sassari. Un'occasione interessante per i conduttori, Nicola Garcea, Claudio Coppini e Roberto Vacca alla regia, per parlare di questo progetto locale di Emergency, ma anche della situazione immigrazione che ha visto nel 2016 toccare i 180.000 arrivi in Italia con un incremento del 20 per cento rispetto all'anno precedente. A Sassari, l'ambulatorio di Emergency, come ci spiega Sara in collegamento telefonico, offre da un anno gratuitamente cure di medicina di base e servizi di orientamento socio-sanitario. I mediatori dell'associazione sono sempre presenti e disponibili per aiutare chi ne abbia bisogno ad accedere alle cure del Servizio sanitario nazionale. Anche in Sardegna, infatti, numerose persone non hanno accesso a cure di cui hanno diritto. Sono migranti, stranieri, persone indigenti che a causa di difficolta' linguistiche, della paura di essere denunciati o della scarsa conoscenza dei propri diritti, non riescono a orientarsi nel nostro sistema sanitario e a ottenere quindi l'assistenza di cui hanno bisogno e che e' un loro diritto. Per questo, oltre a offrire le cure di base tramite i medici di Emergency, i mediatori presenti allo Sportello - come anche nelle altre strutture del Programma Italia - svolgono attivita' di consulenza e orientamento socio-sanitario, si occupano delle pratiche per il rilascio del codice Stp (Straniero temporaneamente presente, che garantisce anche agli stranieri non regolari l'accesso al Servizio sanitario pubblico), accompagnano i pazienti che necessitino di esami o visite presso le strutture pubbliche, svolgono attivita' di monitoraggio del territorio per individuare sacche di disagio o di negazione dei diritti in cui intervenire, e collaborano con istituzioni e associazioni locali

Fare proprio il senso del Natale ogni giorno

Fare proprio il senso del Natale ogni giorno

In questo numero pre-natalizio de L'Altro-Binario Claudio Coppini e Roberto Vacca ospitano in trasmissione due responsabili della Caritas italiana. In collegamento telefonico da Roma, Massimo Marzico, referente area nazionale poverta', e in studio Alessandro Martini, presidente Caritas diocesana fiorentina. Il Natale che ci giunge dai testi evangelici e' un evento di grande ambiguita': occasione di lode degli angeli, ma anche di turbamento a Gerusalemme, di gioia dei pastori e di furia assassina dei potenti, di incarnazione di Dio ma che si offre nel segno di un bambino indifeso e povero, di protezione divina ma anche di fuga di una povera coppia di profughi con figlio in Egitto. Nel nostro Paese, ci dice Massimo, coloro che soffrono di poverta' estrema corrispondono a 4 milioni di persone, e circa un milione e ottocentomila sono coloro che hanno perso il lavoro ormai da diversi anni, senza contare il rischio dei giovani che rischiano di essere inesorabilmente scollati dalla societa' se non si mettono in atto politiche e investimenti mirati e distribuiti nel tempo. E' emersa nel dialogo con i nostri ospiti la necessita' di comportarsi da cittadini consapevoli e responsabili. Il Natale vissuto come momento di analisi lucida, con la volonta' di mettersi in gioco senza se e senza ma, a favore di chi e' in difficolta' economica, sociale, di salute. E come cristiani un invito, un appello, ancora piu' determinato a vivere il senso del natale con un impegno giornaliero costante, senza mollare, per una societa' piu' giusta e vivibile, perche' "in verita' io vi dico: tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli piu' piccoli, l'avete fatto a me" (Mt 25,40)

Diario Afghanistan: il nuovo Centro di maternita' di Annabah

Diario Afghanistan: il nuovo Centro di maternita' di Annabah

In questa puntata speciale di Radio-Emergency, i due conduttori Nicola Garcea, storico volontario di Emergency, e Claudio Coppini, di RVS, hanno l'opportunita' di avere in collegamento telefonico Luca Radaelli, responsabile di Emergency-Afghanistan per otto anni e anche conoscitore profondo della realta' afgana per il fortissimo legame che lo lega a quella terra e a quelle popolazioni. Grazie alla presenza di Luca, proviamo a costruire una visione piu' ampia possibile di quel Paese e di questa guerra che iniziata nel 1978, non ha mai avuto fine. Ma con lui vogliamo parlare anche di quest'ultima sfida vinta da Emergency: il nuovo Centro di maternita' di Annabah. E Andrea parte con uno slancio di giustificata fierezza: "che il nuovo Centro che stavamo costruendo sarebbe stato bellissimo, lo sapevamo... ma ora che lo possiamo vedere per davvero e' ancora meglio di quanto ci aspettassimo: sembra di essere in un grande ospedale europeo!". La nuova maternita' ospita quattro sale parto, due sale operatorie, una terapia intensiva e una sub-intensiva neonatale, una terapia intensiva per le donne che hanno avuto complicazioni durante il parto, un ambulatorio, un reparto di ginecologia, un'area per i follow-up e una per il travaglio. "Il Centro e' studiato nei minimi dettagli per poter gestire al meglio gli oltre 500 parti al mese che gia' effettuiamo e le nuove pazienti che arriveranno. Un numero molto alto, che testimonia l'importanza del nostro lavoro in questi anni e la fiducia che siamo riusciti a costruire. Oggi sono molte le famiglie afgane che affrontano lunghi viaggi, anche da Kabul, per partorire in sicurezza nel nostro ospedale. A tredici anni dall'apertura del primo Centro di maternita', vedere il nuovo Centro, ancora piu' grande, ci riempie d'orgoglio per il lavoro che abbiamo fatto finora. E ci riempie di gioia sapere che da oggi lo potremo fare ancora di più e ancora meglio"

Riflettiamo insieme: servizio in Namibia alla ricerca di senso

Riflettiamo insieme: servizio in Namibia alla ricerca di senso

Lo Spirito di Dio non e' scomparso e continua instancabilmente la sua opera! In questo numero di "Riflettiamo insieme" vi proponiamo l'esperienza di due giovani cristiani avventisti intervistati dal pastore avventista Davide Mozzato. Jessica e Pierpaolo ci raccontano la loro personale ricerca della fede e le loro esperienze piu' significative vissute in Namibia tra i bambini di una scuola primaria gestita da ADRA, l'agenzia umanitaria avventista. L'intervista e' stata realizzata a Poppi (AR) durante il recente Congresso Compagnon (giovani avventisti dai 16 ai 21 anni). &nbsp

Fermata terremoto 5: e' arrivato l'inverno

Fermata terremoto 5: e' arrivato l'inverno

In questa puntata de L'Altro_binario siamo tornati a parlare del terremoto nel Centro Italia per tenere accesi i riflettori e viva la voce dei paesi colpiti. Claudio Coppini e Laura Ferraresi si avvalgono di una inviata speciale, Sabrina Casciola, della chiesa avventista di Rieti e volontaria di ADRA Italia, che subito dopo il 24 agosto si e' messa a disposizione prestando il suo lavoro in particolare nella cittadina di Amatrice. Con Sabrina facciamo un po' il punto della situazione e della tipologia di aiuti che ADRA, l'agenzia umanitaria avventista, fornisce nelle aree terremotate in questa fase post-terremoto. Grazie a lei abbiamo la possibilita' di metterci in contatto telefonico prima con Roberto della Pro-loco di Campi di Norcia e successivamente con Alberto, un albergatore di Norcia che ha avuto l'albergo lesionato dal terremoto e che si e' subito rimboccato le maniche in favore della propria cittadina e dei suoi compaesani, collaborando strettamente e quotidianamente con la Pro-loco di Norcia. Vi invitiamo ad ascoltare le loro testimonianze, piene di passione e di speranza, e l'appello che rivolgono a tutti noi

Sabato 26 novembre 2016 colletta alimentare per i piu' poveri

Sabato 26 novembre 2016 colletta alimentare per i piu' poveri

Anche quest’anno sabato 26 novembre si ripropone la "colletta alimentare" promossa dalla Fondazione Banco Alimentare onlus, ventesima edizione che come negli anni passati si svolgera' presso numerosi supermercati in tutta Italia, coinvolgendo migliaia di volontari. La finalita' e' sostenere tante associazioni nel loro impegno quotidiano di assistenza verso i piu' poveri. Purtroppo un numero crescente di persone e' costretto a chiedere aiuto a queste associazioni, anche per un bisogno fondamentale come l'alimentazione. Ne parliamo con Massimo Marchi, responsabile della colletta alimentare del Banco Alimentare Toscana

"Solidarieta' in Salute": un pensiero per Natale due volte solidale

"Solidarieta' in Salute": un pensiero per Natale due volte solidale

Anche quest’anno il Natale puo' diventare un’occasione per essere solidali con chi e' piu' debole. Adra Italia, l'agenzia umanitaria avventista, e la Fondazione Vita e Salute stanno collaborando insieme ad un nuovo progetto, “Solidarieta' in Salute”, che va oltre la semplice distribuzione alimentare, offrendo agli assistiti dei coordinamenti Adra locali una serie di attivita' e di strumenti per prendersi cura della propria salute, troppo spesso trascurata a causa della poverta'. L’attività dei volontari ADRA, da sempre, e' rivolta a dare un aiuto concreto alle persone bisognose, instaurando con esse relazioni basate sulla stima e sulla fiducia. Durante gli incontri con gli assistiti e' emersa la difficoltà di porre particolare attenzione agli aspetti salutari e alla cura per la prevenzione, perche' le loro priorità sono rivolte ai disagi economici che spesso creano solitudine e isolamento. Per questa ragione è nato il progetto “Solidarieta' in Salute”, che da Gennaio 2017 sara' attivo presso dieci dei centri di distribuzione alimentare ADRA Italia, per raggiungere un totale di circa 600 persone. Quest’anno, donando ai vostri cari uno o piu' prodotti della campagna solidale di Natale, non solo aiuterete a sostenere questo progetto, ma farete anche un gesto di solidarieta' nei confronti delle popolazioni colpite dal terremoto poiche' i prodotti inseriti nei pacchi provengono da agricoltori delle zone terremotate. Tra i prodotti solidali troverete biglietti natalizi da usare per i vostri auguri, libri inerenti la salute, la rivista Vita&Salute e una vasta gamma di prodotti alimentari biologici. È possibile ordinare i prodotti solidali attraverso il modulo della campagna natalizia che trovate in ogni chiesa, oppure online collegandovi al sito http://www.vitaesalute.net/shop-solidale/ . Il ricavato di questa campagna natalizia sara' interamente devoluto a sostegno del progetto “Solidarietà in Salute”. Abbiamo parlato del progetto "Solidarieta' in Salute" con Debora Centorrino, del settore fund-raising per la Fondazione Vita e Salute e ADRA-Italia

Sbarchi in Sicilia: tante ferite, visibili e invisibili

Sbarchi in Sicilia: tante ferite, visibili e invisibili

Una puntata di Radio-Emergency davvero intensa quella di oggi, per i due conduttori Nicola Garcea e Claudio Coppini. Due ospiti speciali in collegamento telefonico dalla Sicilia: Giulia Marotta, infermiera capo sala, coordinatrice dell'assistenza alle persone immigrate appena sbarcate nei porti di Augusta e Pozzallo; e Fabrizio Carucci, che dall'inizio di giugno fa parte di un team di supporto psicologico costituito per l'analisi di casi specifici, come vittime di tratta e di tortura e i superstiti dei naufragi. Nel corso del programma Roberto Vacca ha letto dalla rivista trimestrale di Emergency una testimonianza scritta di Fabrizio Carucci dal titolo "Sono molto fortunati i tuoi bambini ad avere una madre come te". E' il racconto dell'amore e dell'inesauribile tenacia di una mamma per dare un futuro ai propri figli

Pagina 1 di 912345...Ultima »