Notice: Undefined variable: taxonomy_image in /usr/share/wordpress-3.9-multisite-rvs/wp-content/plugins/categories-images/categories-images.php on line 354
Articoli taggati con "ambiente"

Buongiorno con l'Edicola Rvs del 24 luglio 2017

Buongiorno con l'Edicola Rvs del 24 luglio 2017

Apriamo l'Edicola del 24 luglio, condotta anche oggi da Claudio Coppini con Marco Zanini in regia, partendo da un editoriale apparso sulla prima pagina di Repubblica, "Roma, il piano per superare la crisi idrica" - "La Regione: evitare il razionamento; a ruota dieci regioni si apprestano a chiedere al governo l'intervento per emergenza straordinaria". Ne parliamo con Giovanni Varrasi, ambientalista e per un quinquennio capogruppo dei Verdi in consiglio comunale a Firenze. Varrasi ci fa un breve profilo storico delle opere strutturali pensate e costruite nell'antica Roma, che aveva al centro proprio l'importanza e la cura degli acquedotti e delle vie di comunicazione.. Questo ci aiuta, dice Varrasi, a capire quanto sarebbe fondamentale oggi riqualificare tutta la rete idrica nazionale, che ha perdite stimate oltre il 40%. Insomma, non è accettabile che un Paese civile e avanzato si debba ritrovare sempre a combattere continue emergenze. A seguire ci ha raggiunto Pap Diaw, rappresentante storico della Comunità senegalese toscana, con il quale torniamo su un tema che fino a qualche giorno fa era costantemente sulle pagine dei giornali: la legge sullo Ius soli e la situazione sbarchi dei migranti. Per quanto riguarda la legge, Diaw vive la situazione che si e' andata a delineare come un tradimento; in particolare, e' una sconfitta per tutti quei giovani nati in Italia, che hanno studiato in Italia e si ritrovano disconosciuti dal Paese che sentono proprio. Una situazione che Diaw definisce "imbarazzante", oltre che fortemente ingiusta. L'ultimo ospite che ci ha raggiunto e' Isabella Mancini, di Donne Nosotras, con la quale commentiamo un articolo a firma Giampaolo Cadalanu apparso "inaspettatamente" sulla prima pagina di Repubblica, dal titolo: "Silya, l'eroina dell'ultima primavera araba - in Marocco cresce la protesta della Comunità berbera". "Salima Ziani, una giovane donna di ventitre' anni, piu' conosciuta nel mondo della musica marocchina con il nome berbero di Silya, non si piega. La cantante rinchiusa nella prigione di Oukacha di Xasblanca, ha deciso di contestare l'arresto nel modo più radicale possibile, rifiutando il cibo". Abbiamo utilizzato l'avverbio "inaspettatamente" in quanto, come sottolinea Isabella Mancini, capita di rado che i media diano rilievo a situazioni come questa, nelle quali le donne sospingono primavere arabe. Edicola RVS è un programma ideato e condotto da Claudio Coppini e Roberto Vacca con la collaborazione in regia e in voce di Marco Zanini

Buongiorno con l'Edicola Rvs del 21 luglio 2017

Buongiorno con l'Edicola Rvs del 21 luglio 2017

Stamattina all'Edicola RVS prendiamo spunto da tre notizie apparse sulle prime pagine de La Stampa e del Corriere della Sera. In primis, ci rivolgiamo agli articoli riguardanti la sentenza di primo grado al processo Mafia capitale: il verdetto dei giudici ha sancito che l'organizzazione dietro ai crimini commessi a Roma e' un'associazione criminale ma non mafiosa, riconoscendo condanne significative ad alcuni imputati ma liberandoli dall'aggravante mafiosa. Questa decisione ha suscitato prese di posizione diverse. Per argomentare su questa sentenza abbiamo contattato il presidente della Fondazione Antonino Caponnetto, Salvatore Calleri, con il quale commentiamo anche il venticinquesimo anniversario della strage di Via D'Amelio con l'inattesa testimonianza di Fiammetta, la figlia piu' piccola di Paolo Borsellino, che era rimasta sempre in silenzio e che oggi, invece, pone delle domande ben precise. A seguire ci ha raggiunto Sergio Gatteschi, presidente Amici della Terra Toscana, con il quale parliamo di cambiamenti climatici e di come l'Italia dovrebbe affrontare le questioni ambientali, dai terremoti alle alluvioni alla siccità. Come dice Gatteschi: "Sono solo tante facce della stessa medaglia". Il terzo tema che affrontiamo e' tratto da un articolo di Adam Smulevic apparso sul Corriere Fiorentino. L'autore racconta dell'impegno profuso, nel corso della Seconda Guerra Mondiale, dal campione ciclistico Gino Bartali. Egli aiuto' molti ebrei residenti in Italia affinche' non venissero deportati nei lager nazisti. Vittorio Fantoni, presente in studio, ci racconta un'interessante esperienza personale vissuta con la famiglia di Bartali. Anche oggi concludiamo con una breve finestra sul Tour de France, ormai sempre piu' nelle mani del britannico Froome.  EDICOLA RVS e' un programma ideato e condotto da Claudio Coppini e Roberto Vacca, con la presenza in regia e in voce di Marco Zanini

Buongiorno con l'Edicola Rvs del 18 luglio 2017

Buongiorno con l'Edicola Rvs del 18 luglio 2017

Stamattina all'Edicola RVS prendiamo spunto da tre notizie apparse sulle prime pagine di diversi quotidiani, facendo riferimento in particolare a tre articoli di Repubblica che commentiamo con i nostri ospiti. Ospite in studio al fianco di Claudio Coppini Vincenzo Carbone, consulente e docente di comunicazione web. Con il primo ospite in collegamento telefonico, Andrea Bigalli, sacerdote e Referente di Libera Toscana, parliamo della legge sullo Ius soli e della rinuncia del Governo Gentiloni a votarla in Senato, visto il clima difficilissimo che si e' venuto a creare, legato alla questione dei migranti e degli sbarchi. A seguire, parliamo degli atti desecretati dell'interrogatorio a Borsellino, il quale, dopo l'attentato di Capaci (che vide compiersi l'omicidio di Falcone e della sua scorta), aveva lanciato l'allarme sulla fine del pool. Un accenno anche ai misteri della tristemente famosa "agenda rossa", che racchiude la storia criminale d'Italia. Per un tema cosi' complesso ci siamo avvalsi del contributo del presidente della Fondazione Antonino Caponnetto, Salvatore Calleri. Terzo tema i roghi, quasi sempre di natura dolosa, che stanno devastando il Sud e il Centro Italia. Ne parliamo con la responsabile Energia e Clima del WWF, Maria Grazia Midulla. Questa emergenza mette in luce una politica ambientale ed economica completamente tradita. Approfittando della presenza in studio di Vincenzo Carbone abbiamo commentato L'Amaca di Michele Serra di oggi, affrontando il tema della comunicazione ai tempi dei social. Per chiudere, un grazie immenso alla coppia italiana Manila Flamini e Giorgio Minisini, che ha conquistato una storica medaglia d'oro ai Mondiali di nuoto di Budapest nel nuoto sincronizzato grazie ad una coreografia formidabile ispirata da Lampedusa e creata da Michele Braga e Anastasija Ermakova. EDICOLA RVS è un programma ideato e condotto da Claudio Coppini e Roberto Vacca. Oggi in regia e in voce, Marco Zanini &nbsp

Buongiorno con l'Edicola Rvs del 12 luglio 2017

Buongiorno con l'Edicola Rvs del 12 luglio 2017

Stamattina all'Edicola Rvs commentiamo alcuni articoli apparsi su La Repubblica di oggi, a partire da un articolo di Gianluca Di Feo: «Gli Usa all'Italia: "Fate di piu' in Libia" - Triton da rivedere». Ne parliamo con Salvatore Calleri, presidente della Fondazione Antonino Caponnetto. Insieme a Calleri commentiamo anche quanto racconta Roberto Saviano su Roma, divenuta capitale mondiale della cocaina in virtu' della grande alleanza tra camorra e 'ndrangheta. A seguire, grazie alla presenza in studio del pastore avventista Saverio Scuccimarri, prendiamo spunto da un altro articolo in prima pagina sul quotidiano Repubblica, a firma Elena Dusi: "La terra senza elefanti e leoni, sta arrivando la sesta estinzione". Terzo tema trattato, di cui si parla molto in questi giorni per alcuni fatti accaduti, e' il dibattito sull'apologia del fascismo. Ne discutiamo con il giornalista Roberto Davide Papini, che ha postato sul proprio profilo Facebook questa riflessione personale: "Sono contrario a ogni tipo di reato di opinione perché sono tipici dei regimi fascisti, comunisti, (totalitari in genere) e delle democrazie deboli. Una democrazia liberale forte e salda non ha bisogno di punire nessuno per le sue idee, per quanto aberranti possano essere". Edicola Rvs è un programma ideato e condotto da Claudio Coppini e Roberto Vacca. &nbsp

Multe a chi butta le cicche per terra

Multe a chi butta le cicche per terra

Con la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale è entrato ufficialmente in vigore, al termine di due anni di iter parlamentare, il ddl sulla Green economy. L'articolo 40 stabilisce che ogni Comune deve provvedere a "installare nelle strade, nei parchi e nei luoghi di alta aggregazione sociale appositi raccoglitori per la raccolta dei mozziconi dei prodotti da fumo", mentre toccherà a produttori e Ministero dell’Ambiente attuare campagne di informazione per "sensibilizzare i consumatori sulle conseguenze nocive per l'ambiente derivanti dall'abbandono dei mozziconi”. Quali sono i danni economici e ambientali causati dalle cicche? Le multe possono essere utili? Recentemente abbiamo parlato di questo tema in occasione dell’uscita di “The answer. La risposta sei tu”, film sui danni del tabacco alla salute e all’ambiente. Un progetto educativo indirizzato particolarmente ai giovani che sta andando avanti. Il prof. Mangiaracina ha fatto parte del pool degli sceneggiatori e il prof. Girolamo Sirchia lo ha prodotto per la Fondazione “Il sangue”. In cosa consiste il progetto? Il problema dell'inquinamento da cicche è reale e finora è stato ingiustamente trascurato. Qualche ricercatore propone di adoperare i mozziconi di sigaretta come biomassa da cui ricavare calore ed energia. Altri pensano che l’acetato di cellulosa dei filtri, opportunamente rigenerato, possa essere riutilizzato per produrre pannelli termo-fonoassorbenti per l’edilizia. In Cina propongono di usare il cocktail di sostanze tossiche presenti nei mozziconi come antiossidanti per acciai speciali, in pratica come antiruggine. Queste proposte potrebbero essere utili, se venissero effettivamente attuate? Mario Calvagno, caporedattore, e Carmen Zammataro, redattrice di RVS Roma, intervistano il prof. Giacomo Mangiaracina, medico, della Facoltà di Medicina e Psicologia dell’Università Sapienza di Roma, presidente dell’Agenzia Nazionale per la Prevenzione e direttore della rivista “Tabaccologia”

Riflettiamo insieme: "Etica del mutamento climatico"

Riflettiamo insieme: "Etica del mutamento climatico"

Martedi' 24 novembre a Firenze, presso la sede della rivista Testimonianze, si e' svolta la presentazione del libro di Simone Morandini e  Matteo Mascia della Fondazione Lanza dal titolo  “Etica del mutamento climatico”, un saggio appena edito da Morcelliana. Sono intervenuti il presidente di Legambiente Toscana Fausto Ferruzza, la professoressa Elena Pulcini, il professor Giorgio Valentino Federici  e il condirettore della rivista ospitante Simone Siliani. In questo numero di Riflettiamo insieme vi proponiamo l'intervento di Fausto Ferruzza

Etica del mutamento climatico e Conferenza ONU di Parigi

Etica del mutamento climatico e Conferenza ONU di Parigi

Martedi' 24 novembre a Firenze, presso la sede della rivista Testimonianze, e giovedi' 26 novembre presso la biblioteca Nelson Mandela a Roma, Mascia e Morandini della Fondazione Lanza affrontano il tema della dimensione morale dei cambiamenti climatici. Il mutamento climatico e' un fattore chiave di una crisi ecologica che tocca profondamente la condizione umana sul pianeta Terra. Guardare ad essa da un punto di vista etico significa in primo luogo interrogarsi su cosa possiamo e dobbiamo fare per custodire un futuro minacciato gia' ora e per le prossime generazioni dell’umanita', per quella preziosa struttura vitale che e' l’ecosistema planetario. E' un interrogativo che interessa i comportamenti personali, ma anche le pratiche sociali, cosi' come le linee della politica e dell’economia. Impossibile, pero', affrontarlo senza farsi contemporaneamente carico di una riflessione tesa a ripensare la collocazione della famiglia umana sulla terra come agente di mutamento, il suo ruolo ecologicamente anomalo, la responsabilita' che le compete. Questo il tema affrontato nel libro “Etica del mutamento climatico” a cura di Matteo Mascia (Fondazione Lanza, Progetto “Etica e Politiche Ambientali”) e Simone Morandini (Fondazione Lanza, Progetto “Etica, Filosofia e Teologia”), edito da Morcellania, in vista della prossima Conferenza ONU di Parigi dove la comunita' internazionale dovra' adottare nuove misure contro l’emissione di gas serra e per aiutare i paesi impoveriti a far fronte ai cambiamenti climatici (dal sito focsiv.it). In questo numero dell'Altrobinario Claudio Coppini e Roberto Vacca intervistano il teologo cattolico Simone Morandini su alcuni dei temi affrontati nel libro

"The Answer. La risposta sei tu": un film per la lotta al tabagismo

"The Answer. La risposta sei tu": un film per la lotta al tabagismo

"The Answer. La risposta sei tu", film presentato alla Festa del Cinema di Roma, veicola concetti della massima importanza riguardanti la prevenzione del tabagismo e l’impatto ambientale del tabacco. Il film è dedicato particolarmente ai giovani, ma non soltanto a loro. La sceneggiatura è curata da Ludovico Fremont, Anna Parravicini, Riccardo Stuto e dal prof. Giacomo Mangiaracina, presidente dell’Agenzia Nazionale per la Prevenzione. “The Answer. La risposta sei tu” è prodotto per la Fondazione “Il sangue” dal prof. Girolamo Sirchia, medico, Ministro della Salute dal giugno 2001 all'aprile 2005. Il prof. ha varato nel 2003 un'innovativa norma a tutela della salute pubblica e dei diritti dei non fumatori, estendendo il divieto di fumo a tutti i locali pubblici. Mario Calvagno, caporedattore di RVS Roma, intervista, durante la conferenza stampa di presentazione del film, alcuni degli attori (Andrea Dianetti, Federica Marcaccini, Luca Cesa e Filippo Laganà), il regista Ludovico Fremont e il prof. Girolamo Sirchia

Fumo, nuove leggi

Fumo, nuove leggi

Il Governo ha rilasciato un decreto legislativo che prevede vari provvedimenti per limitare il fumo di sigaretta e quindi i danni che ne derivano. Alcune delle novità: via i pacchetti da 10, stop alle sigarette in auto in presenza di minori e donne in gravidanza, stop alla vendita ai minori di sigarette elettroniche e di contenitori di liquido di ricarica con presenza di nicotina e maggiori controlli sui sistemi di rilevamento dell’età nei distributori automatici. Inoltre nei nuovi pacchetti il Governo inserirà avvertenze combinate (immagini e testo) relative alla salute, grandi fino a coprire il 65% della superficie esterna del fronte e retro della confezione di sigarette o di tabacco da arrotolare. Quanto possono essere utili questi provvedimenti nella lotta contro il fumo? Il film “The Answer. La risposta sei tu” partecipa alla Festa del Cinema di Roma. Il tema trattato è quello dell’impatto ambientale del tabacco. Come si inserisce nella lotta al tabagismo? Mario Calvagno, caporedattore, e Carmen Zammataro, redattrice di RVS Roma, intervistano il prof. Giacomo Mangiaracina, medico, presidente dell'Agenzia Nazionale per la Prevenzione. Il prof. ha fatto parte del team che si è occupato della sceneggiatura del film

Una prospettiva avventista sull'ambiente

Una prospettiva avventista sull'ambiente

La “luce” è stato il tema scelto quest'anno per celebrare il Tempo del Creato, il periodo liturgico ecumenico che va dal primo settembre al 4 ottobre, e che ha coinvolto le chiese cristiane di ogni tradizione in tutto il mondo. Anche a Firenze cattolici, ortodossi e protestanti hanno celebrato la bellezza del creato, e hanno riflettuto sulle responsabilita' dei cristiani di fronte alla distruzione dell'ambiente. Nella citta' di Firenze, tra i vari incontri segnaliamo quello dello scorso 29 settembre nell'istituto avventista di Firenze, a cura del pastore avventista Saverio Scuccimarri che ha offerto una prospettiva avventista sui temi dell'ambiente. Lo abbiamo intervistato per la rubrica "A tu per tu"

Puliamo il Mondo 2015

Puliamo il Mondo 2015

Puliamo il Mondo: il 25, il 26 e il 27 settembre in tutta Italia la grande iniziativa di volontariato ambientale organizzata da Legambiente in collaborazione con la Rai. Anche quest'anno Ecodom, il Consorzio Italiano Recupero e Riciclaggio Elettrodomestici, rinnova il proprio impegno a sostegno dell’iniziativa. Grazie al suo supporto quasi 4.000 studenti in tutta Italia riceveranno un kit per andare “a caccia di rifiuti”, imparando a smaltirne correttamente tutte le tipologie e soprattutto quelli derivanti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (i cosiddetti RAEE). Quali altre iniziative prevede l'edizione 2015? Quali risultati sono stati ottenuti negli anni passati? Perché è importante avere cura del proprio territorio? Mario Calvagno, caporedattore di RVS Roma, intervista Rossella Muroni, direttrice generale di Legambiente Onlus. Foto: https://www.facebook.com/legambiente.onlus

Laudato Si'. Sulla cura della casa comune. Tavola rotonda a Firenze sull'Enciclica di Papa Francesco

Laudato Si'. Sulla cura della casa comune. Tavola rotonda a Firenze sull'Enciclica di Papa Francesco

Nell'ambito del ciclo di incontri ecumenici "Salvaguardia del creato" promosso nel mese di settembre dalle chiese cristiane fiorentine, martedi' 15 settembre 2015 si e' svolta una tavola rotonda per presentare e commentare l'Enciclica di Papa Francesco "Laudato si'. Sulla cura della casa comune". Hanno partecipato il professor Simone Morandini, docente di fisica, teologo cattolico e autore di numerosi saggi sui temi dell'ambiente (tra cui per le edizioni Cittadella un commento all'Enciclica), e il cardinale di Firenze Giuseppe Betori. Ha introdotto il professor Marco Ricca, presidente del Centro culturale protestante Pietro Martire Vermigli di Firenze. Registrazione a cura di Radio Voce della Speranza di Firenze Il cardinale Giuseppe Betori

La fede di fronte alla crisi ambientale: impegno e speranza

La fede di fronte alla crisi ambientale: impegno e speranza

Si e' svolto il 10 e l'11 settembre il meeting "Giustizia ambientale e cambiamenti climatici. Verso Parigi 2015" promosso dalla Fondazione con il patrocinio del Pontificio consiglio per gli operatori sanitari. La comunita' scientifica e i vertici dei maggiori Paesi concordano sulla necessita' di evitare che la temperatura aumenti di piu' di 2 gradi nel corso di questo secolo. Per evitare il collasso climatico occorre contenere le immissioni di CO2 in atmosfera in un tetto di 3mila miliardi di tonnellate complessive. In assenza di un accordo globale sul clima, intere zone del pianeta diventerebbero inospitali e piu' di 250 milioni di persone dovrebbero migrare a causa dei cambiamenti climatici. In questo numero di "Sfogliando il giornale" parliamo di crisi ambientale e responsabilita' dei cristiani con il teologo cattolico Simone Morandini, autore del recente saggio Laudato si'. Un'enciclica per la terra, ed. Cittadella

Roma, guerra alle cicche

Roma, guerra alle cicche

Con l’avvicinarsi del Giubileo si sta lavorando per rinnovare il regolamento della Polizia urbana di Roma. In questi giorni sono state fatte delle anticipazioni in merito a nuove norme relative alle cicche gettate per terra. Ci potrebbero essere sanzioni, di circa 200 euro, per chi sporca la città con i mozziconi. Quali sono i numeri riguardanti le cicche e il consumo di sigarette in Italia? Quali danni le cicche causano all'ambiente? In una delle nostre interviste al prof. Mangiaracina (all'inizio del 2013), avevamo parlato di un importante progetto in partnership fra importanti entità come la Società scientifica di Tabaccologia, l'Università Sapienza di Roma, l’ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile), l'Agenzia Nazionale per la Prevenzione: "Roma senza cicche”. Cosa proponeva e quale applicazione è stato possibile fare? Il progetto si inserisce in una progettualità più ampia, quella delle "Smoke-Free Cities”. Qual è la situazione negli altri paesi? All'interno del regolamento della Polizia urbana di Roma è stato acquisito qualcosa dal progetto "Roma senza cicche”? Mario Calvagno, caporedattore, e Carmen Zammataro, redattrice di RVS Roma, intervistano il prof. Giacomo Mangiaracina, presidente Agenzia Nazionale per la Prevenzione

Caos climatico e teologia cristiana

Caos climatico e teologia cristiana

"Se va bene, se siamo proprio bravi, la temperatura della Terra aumentera' di 2 gradi. Sara' come avere una febbre, ma passera'. Se invece continuiamo a consumare combustibili fossili con il ritmo attuale, l'incremento sara' di 4 gradi o piu'. Quattro gradi sono un'enormita': pensate cosa succederebbe al nostro corpo se il termometro salisse a 41 gradi". Edo Ronchi, presidente della Fondazione per lo sviluppo sostenibile annuncia cosi' l'urgenza del meeting "Giustizia ambientale e cambiamenti climatici. Verso Parigi 2015" promosso dalla Fondazione con il patrocinio del Pontificio consiglio per gli operatori sanitari. L'10 e il 11 settembre Roma diventera' la capitale del dibattito sul clima: arriveranno il direttore dell'Unep Achim Steiner, l'economista Nicholas Stern, il direttore dell'Earth Institute Jeffrey Sachs. L'obiettivo e' accelerare l'accordo per la stabilita' del clima che e' ancora lontano, mentre l'appuntamento con la conferenza Onu che si terra' a Parigi all'inizio di dicembre si avvicina. La comunita' scientifica e i vertici dei maggiori Paesi concordano sulla necessita' di evitare che la temperatura aumenti di piu' di 2 gradi nel corso di questo secolo. Per raggiungere il traguardo bisogna fermare l'aumento della concentrazione di CO2 in atmosfera a 450 parti per milione: erano 280 all'inizio dell'era industriale, oggi siamo gia' arrivati a quota 400. Il tempo stringe. Per evitare il collasso climatico occorre contenere le immissioni di CO2 in atmosfera in un tetto di 3mila miliardi di tonnellate complessive. Ci siamo gia' giocati due terzi di questa dote. Restano solo mille miliardi di tonnellate e a questo ritmo entro il 2040 avremo sfondato il muro della sicurezza. Il che vuol dire che, in assenza di un accordo globale sul clima, intere zone del pianeta diventerebbero inospitali e piu' di 250 milioni di persone dovrebbero migrare a causa dei cambiamenti climatici ("Caos climatico, senza un accordo avremo 250 milioni di profughi" articolo di Antonio Cianciullo pubblicato su Repubblica dell'8 settembre 2015). In questo numero di "A tu per tu" parliamo di crisi ambientale e responsabilita' dei cristiani con il pastore avventista Luca Faedda

"Ecosistema Urbano” 2014: a che punto siamo con la vivibilità ambientale delle nostre città?

"Ecosistema Urbano” 2014: a che punto siamo con la vivibilità ambientale delle nostre città?

E' stata presentata a Torino la ventunesima edizione di "Ecosistema Urbano", il Rapporto di Legambiente sulla vivibilità ambientale dei capoluoghi di provincia italiani realizzato in collaborazione con l'Istituto di Ricerche Ambiente Italia e Il Sole 24 Ore. Sono stati analizzati 104 capoluoghi di provincia. Quali indicatori ambientali sono stati selezionati? Come si classificano i nostri capoluoghi di provincia nei confronti delle citta' europee? Quali cambiamenti sarebbero auspicabili? Mario Calvagno, caporedattore, e Carmen Zammataro, redattrice di RVS Roma, intervistano Mirko Laurenti, curatore del Rapporto

Una marcia globale per il clima

Probabilmente almeno un milione di persone in tutto il mondo hanno partecipato alla Marcia Globale per il Clima. E’ questa la stima degli organizzatori dell’appuntamento globale ”Global Day of Action”, iniziativa promossa da più di 950 associazioni in occasione del Climate Summit (23 Settembre, New York), convocato dal Segretario Generale Ban Ki-moon ai margini della 69esima Assemblea Generale Onu. Il problema dei cambiamenti climatici diventa sempre piu’ evidente: profughi ambientali, desertificazione, innalzamento del livello dei mari, eventi estremi sempre più frequenti e intensi sono solo alcuni degli effetti del surriscaldamento globale causato dai gas a effetto serra prodotti dalle attività antropiche. Gli ultimi dati, infatti, confermano un trend di aumento di Co2 e degli altri gas ad effetto serra, facendo registrare un nuovo record di emissioni. In questo numero dell’Altro-Binario, i conduttori Claudio Coppini e Roberto Vacca ne parlano con Andrea Masullo, direttore scientifico di Greenaccord, autore del libro "Qualita’ vs. Quantita': dalla decrescita a una nuova economia”. Obiettivo: dimostrare i limiti dell’economia attuale ma anche i problemi connessi con la decrescita. E indicare una via d’uscita: una nuova economia umana, riconciliata con l’economia della natura

Il tempo per il creato

Nel mese di settembre in molte chiese cristiane si celebra "il tempo per il creato". Il prossimo 27 settembre si svolgera' in Ungheria un convegno internazionale sul tema "Energia e cambiamento climatico, il ruolo e la voce delle chiese", promosso dall'Associazione rete cristiana europea per l'ambiente. Tra i partecipanti ci sara' anche Antonella Visintin, responsabile della Commissione Globalizzazione e Ambiente (Glam) della Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia (FCEI), con la quale abbiamo scambiato qualche idea sul ruolo che i cristiani potrebbero giocare nella lotta per fermare il disastro ecologico verso cui sembra siamo rapidamente avviati, nella sostanziale indifferenza dei piu'