Notice: Undefined variable: taxonomy_image in /usr/share/wordpress-3.9-multisite-rvs/wp-content/plugins/categories-images/categories-images.php on line 354
Articoli taggati con "Ismaele Di Maggio"

Una musica puo' fare... estate: 31-07-2017

Una musica puo' fare... estate: 31-07-2017

Seconda trasmissione estiva della rubrica "Una musica puo' fare", a cura di Ismaele Di Maggio intervistato da Roberto Vacca e Claudio Coppini. Nella puntata di oggi  Ismaele ci propone canzoni che offrono spunti di riflessione ed emozioni sui valori della vita. Le canzoni proposte sono le seguenti: • A casa di Luca (Silvia Salemi) • C'e' da fare (Giorgia) • Che fantastica storia e' la vita (Antonello Venditti)

Una musica puo' fare... n. 69: "Fede e dintorni"

Una musica puo' fare... n. 69: "Fede e dintorni"

Continua la serie "Una musica puo' fare", sempre a cura di Ismaele Di Maggio intervistato da Roberto Vacca. La puntata di oggi  si occupa ancora una volta di "fede e dintorni". Ismaele ci propone canzoni che affrontano direttamente o indirettamente la dimensione spirituale dell'esperienza umana, con i suoi bisogni, i suoi slanci, le sue inquietudini. Le canzoni proposte sono le seguenti: • Le rose blu (Roberto Vecchioni) • Amen (Noemi) • Io ti prendo come mia sposa (Claudio Baglioni) • Caro Gesu' ti scrivo (Corale dell'Antoniano)

Una musica puo' fare... n. 68: "Fede e dintorni"

Una musica puo' fare... n. 68: "Fede e dintorni"

Continua la serie "Una musica puo' fare", sempre a cura di Ismaele Di Maggio intervistato da Roberto Vacca. La puntata di oggi  si occupa ancora una volta di "fede e dintorni". Ismaele ci propone canzoni che affrontano direttamente o indirettamente la dimensione spirituale dell'esperienza umana, con i suoi bisogni, i suoi slanci, le sue inquietudini. Le canzoni proposte sono le seguenti: • Voglio un Dio (Petra Magoni) • Amen (Les Pretres) • Gesu' (Renato Zero) • Qui Dio non c'e' (Claudio Baglioni)

Una musica puo' fare... n. 67: "About faith"

Una musica puo' fare... n. 67: "About faith"

Continua la serie "Una musica puo' fare", sempre a cura di Ismaele Di Maggio intervistato da Roberto Vacca. La puntata di oggi si intitola "About faith" (riguardo alla fede). Ismaele ci propone canzoni che affrontano direttamente o indirettamente la dimensione spirituale dell'esperienza umana, con i suoi bisogni, i suoi slanci, le sue inquietudini. Come il titolo della puntata suggerisce, a differenza delle precedenti puntate le canzoni scelte da Ismaele Di Maggio sono internazionali, di lingua inglese. Le canzoni proposte sono le seguenti: • In Christ alone (Christina Grimmie) • Jesus loves me (Whitney Houston) • Reach out to Jesus (Elvis Presley) • Jesus was an only son (Bruce Springsteen)

Una musica puo' fare... n. 66: "Fede e dintorni"

Una musica puo' fare... n. 66: "Fede e dintorni"

Torna la serie "Una musica puo' fare", sempre a cura di Ismaele Di Maggio. In questa puntata parliamo di "Fede e dintorni". Ismaele ci propone altre canzoni che affrontano direttamente o indirettamente la dimensione spirituale dell'esperienza umana, con i suoi bisogni, i suoi slanci, le sue inquietudini. Le canzoni proposte sono le seguenti: • Oggi e' nato il redentore (Franco I & Franco IV) • Oh mio Signore (Matia Bazar) • C'e' tempo (Ivano Fossati) • Se tu sei cielo (Angelo Branduardi)

Una musica puo' fare... n. 65: "Fede e dintorni"

Una musica puo' fare... n. 65: "Fede e dintorni"

Torna la serie "Una musica puo' fare", in questa speciale edizione 2017, sempre a cura di Ismaele Di Maggio. In questa puntata parliamo di "Fede e dintorni". Ismaele ci propone altre canzoni che affrontano direttamente o indirettamente la dimensione spirituale dell'esperienza umana, con i suoi bisogni, i suoi slanci, le sue inquietudini. Le canzoni proposte sono le seguenti: • La mano del Signore (Little Tony) • La torre di Babele (Edoardo Bennato) • L'albero di Giuda (Massimo Bubola) • L'arca di Noe' (Sergio Endrigo)

Una musica puo' fare 12 maggio 2017

Una musica puo' fare 12 maggio 2017

Puntata speciale di "Una musica puo' fare". Speciale perche', oltre all'ideatore della trasmissione Ismaele di Maggio, gli speaker in studio sono Claudio Coppini e Marco Zanini. Ismaele ci ha proposto quattro canzoni, una piu' bella dell'altra, di quattro grandissimi artisti della scena musicale italiana. Le canzoni proposte sono le seguenti: • Al fratello che non ho (Fiorella Mannoia) • I passi che facciamo (Adriano Celentano) • 1950 (Amedeo Minghi) • La pace sia con te (Renato Zero)

Buongiorno con l'Edicola Rvs del 30 marzo 2017

Buongiorno con l'Edicola Rvs del 30 marzo 2017

L'Edicola del 30 marzo si e' aperta con la lettura dei titoli dalla prima pagina de La Stampa di Torino, ma come sempre abbiamo inserito uno, due articoli che ci avevano colpito, apparsi su altri quotidiani negli ultimi giorni. Come sempre abbiamo provato ad approfondire notizie e articoli con i nostri ospiti. Stamattina in collegamento telefonico abbiamo avuto il direttore della rivista Testimonianze, Severino Saccardi con il quale ci siamo soffermati sulla "Brexit" che adesso comincia il suo iter  effettivo e poi su un altro articolo nazionale dove emerge che la giustizia civile nel Belpaese e' off-line pechè si fanno cause su tutto, fino al ridicolo. Nell'ultima parte ci ha raggiunto di nuovo Ismaele Di Maggio che ci ha proposto un bel brano, questa volta di Giorgia: "Vanita'" dal suo ultimo album: "Oronero". Dopo averlo ascoltato, abbiamo condiviso con Ismaele alcune riflessioni sul testo. Un programma ideato e condotto da Claudio Coppini e Roberto Vacca

Buongiorno con l'Edicola Rvs del 22 marzo 2017

Buongiorno con l'Edicola Rvs del 22 marzo 2017

In questa puntata di Edicola Rvs, in studio con i conduttori Claudio Coppini e Roberto Vacca e' presente il pastore avventista Adelio Pellegrini, oltre agli ospiti coinvolti in collegamento telefonico. Il primo e' David Ermini, parlamentare della Repubblica nelle file del PD. Insieme all'Onorevole e' intervenuto il pastore avventista e scrittore Rolando Rizzo. Con i nostri ospiti commentiamo alcuni articoli tratti dalla prima pagina de La Stampa di Torino. Partiamo da un articolo dal titolo: "L’obiettivo del corteo di Locri per ricordare le vittime di mafia e' non disperdere questo bagaglio di umanita'" di Gaetano Mazzuca, a proposito della Giornata della memoria delle vittime di mafia, promossa ogni anno il 21 marzo dall'associazione Libera.  Il secondo tema affrontato riguarda l'Europa: in particolare, i festeggiamenti che si terranno a Roma sabato 25 marzo per celebrare i 60 anni dalla firma storica dei Trattati di Roma, grazie ai quali e' nata quella Comunita' che oggi chiamiamo Unione Europea. Ultimo collegamento con Ismaele Di Maggio, che anche oggi ci propone una canzone su cui riflettere: "Fatti bella per te" di Paola Turci

Buongiorno con l'Edicola Rvs del 21 marzo 2017

Buongiorno con l'Edicola Rvs del 21 marzo 2017

21 marzo, primo giorno di primavera anche all'Edicola: oggi nessun ospite in studio con i conduttori Claudio Coppini e Roberto Vacca, ma ne abbiamo tre in collegamento telefonico. Il primo e' Roberta Vittori, pastora della chiesa avventista con la quale proviamo a riflettere su una notizia che si trova su tutte le prime pagine dei giornali italiani: "maschilismo, TV e ragazze dell'Est". A seguire parliamo con il giornalista di Vita e Salute Ennio Battista, di stili di vita e di una classifica che considera (in modo un po' generico) gli italiani come i piu' sani del mondo grazie soprattutto alla dieta mediterranea. Anche oggi concludiamo con  una finestra sulla musica, curata da Ismaele Di Maggio, esperto e appassionato di musica che ci propone  l'ascolto di un brano di Fabrizio Moro che ha proposto all'ultimo Sanremo, dal titolo: "Portami via". Un bellissimo e intensissimo sguardo d' amore verso chi vive il dramma della depressione  

Buongiorno con l'Edicola Rvs del 20 marzo 2017

Buongiorno con l'Edicola Rvs del 20 marzo 2017

Edicola super quella di questo lunedi' 20 marzo: con i conduttori Claudio Coppini e Roberto Vacca intervengono il pastore Saverio Scuccimarri, direttore del Messaggero Avventista, e in collegamento telefonico il presidente della Caritas diocesana della Toscana, Alessandro Martini (con il quale commentiamo due articoli sul fenomeno della ludopatia), e un imprenditore e docente che opera nel campo della moda, Andrea Claudio Galluzzo (che ci propone un interessante collegamento tra mafia e capitalismo immorale). Il terzo ospite e' una donna, Rosalba De Filippis, insegnante e scrittrice con la quale parliamo dei giovani e della felicita' rispetto ad un indagine che vede il nostro Paese al quarantottesimo posto. E infine una finestra sulla musica e le canzoni d'autore, curata da Ismaele Di Maggio, esperto e appassionato di musica, canzoni che ci aiutano a capire qualcosa di piu' di noi e del mondo. Il brano scelto è "Metti in circolo il tuo amore" del Liga, al secolo Luciano Ligabue

HandicaPPati in Orbita: intervista a Alex Zanardi

HandicaPPati in Orbita: intervista a Alex Zanardi

Una trasmissione davvero ricca quella di HandicaPPati in Orbita del 14 febbraio, con i due conduttori, Mauro Sbrillo e Claudio Coppini, che provano a riflettere sui temi della disabilita' prendendo spunto da due interviste. La prima ad Alex Zanardi, uno degli sportivi italiani piu' famosi al mondo, che dopo l'incidente del 2001 durante una gara automobilistica in cui perse le gambe, e' riuscito a tornare al volante e poi e' passato al paraciclismo con la hand-bike, vincendo otto mondiali su strada e conquistando due medaglie d’oro e una d’argento alle Paralimpiadi di Londra 2012 e ancora due ori e un argento a quelle di Rio 2016. Dal 2012 conduce il programma Sfide su Rai 3. La seconda intervista che viene proposta nel corso del programma e' invece a Ismaele Di Maggio, laureato al Dams di Bologna e operatore da dieci anni presso una cooperativa del nord Italia che si occupa di ragazzi con disagio psichico. Nel corso del programma - come sempre - Mauro non ci fa mancare della buona musica d'autore

Buongiorno con l'Edicola Rvs del 13 febbraio

Buongiorno con l'Edicola Rvs del 13 febbraio

All'Edicola di oggi, insieme ai conduttori Claudio Coppini e Roberto Vacca, partecipano come sempre alcuni ospiti, a cominciare dal pastore avventista Adelio Pellegrini, presente in studio. Dopo la lettura dei titoli dalla prima pagina del Corriere della Sera ci raggiunge in collegamento telefonico Ismaele Di Maggio, esperto di musica e del Festival di Sanremo, per commentare l'edizione 2017 appena conclusa. In collegamento dal carcere di Sollicciano abbiamo avuto con noi Eros Cruccolini, garante dei detenuti, con cui abbiamo commentato, dalla pag. 9, l'intervista di Giuseppe Guastella a Piercamillo Davigo, dal titolo: "Troppi corrotti 25 anni dopo" e a seguire alcuni dati e riflessioni sulla situazione degli istituti di pena italiani. Adelio Pellegrini ha commentato le riflessioni di Papa Francesco, riportate dalla Stampa, sugli insulti come forma normale di relazione umana: "Noi siamo abituati a insultare, come dire buongiorno, ma quello e' sulla stessa linea dell’uccisione - avverte il Papa - Chi insulta il fratello e' come se iniziasse a ucciderlo nel suo cuore". Nel corso della trasmissione abbiamo ascoltato le prime due canzoni classificate al Festival: la vincitrice "Occidentali's karma" di Francesco Gabbani, la seconda "Che sia benedetta" di Fiorella Mannoia. Abbiamo anche ascoltato il brano di Enrico Ruggeri: "Inevitabilmente"

A casa di Peppino Impastato

A casa di Peppino Impastato

Anche nel corso di quest’ultima estate rovente, il sodalizio “gioventu' avventista” e “Adra Italia” (l'agenzia umanitaria avventista) ha prodotto una proficua sinergia. Trentacinque volontari si sono dati appuntamento in Sicilia per vivere nuovamente una vacanza speciale, fatta di mare, momenti di riflessione e di attivita' destinate agli “ultimi”. La provenienza dei ragazzi va ben oltre il tricolore. Hanno dai 22 ai 43 anni, e la foto rituale della formazione al completo, ritrae visi di nazionalita' serba, austriaca e honduregna, che si aggiungono a giovani arrivati da varie città del nostro Bel Paese. Soggiorniamo presso il “Camping degli Ulivi” di Sferracavallo, quartiere ittico di Palermo. (...) Il nostro microcosmo di ragazzi intraprendenti ma palesemente scollati da una realtà cosi' complicata, incontra facce segnate da cicatrici profonde, della pelle e dell’anima, e in maniera antitetica, manine bicolore pronte a brandire una palla. Sono i profughi nei quali ci siamo imbattuti durante l’attività solidale. Superstiti, in seno ad una umanita' sempre in balia del pericolo, troppo spesso vittima senza appello delle maree, che sommergono uomini in felpe sudice e bimbi in tutine pastello. (...) Il pomeriggio di Sabato 20 agosto e' uno dei più afosi, ma la canicola non e' un deterrente efficace. Saliamo ugualmente a bordo dei nostri mezzi e raggiungiamo Corso Umberto 220, a Cinisi. Un indirizzo ridondante, poiché ad aspettarci c’e' il Dottor Giovanni Impastato, fratello minore del piu' tristemente noto Peppino. Giuseppe Impastato era un giornalista. E’ stato ucciso quasi 40 anni fa da Cosa Nostra. La sua famiglia d’origine era affiliata alla criminalita' organizzata del posto. Tuttavia, questo ragazzo esemplare si e' da sempre smarcato dagli agi familiari, per crearsi un humus di trasparenza attorno al proprio contesto abitativo. Tra le innumerevoli iniziative, nel 1977 realizza Radio Aut, emittente locale che denuncia l’opacita' di alcuni nomi “intoccabili”, servendosi della satira e della controinformazione libera dai condizionamenti dei partiti. Viene assassinato il 9 maggio 1978, il suo corpo e' dilaniato da una scarica di tritolo posta sulla linea ferrata Palermo-Trapani. Una evidente messa in scena, per depistare l’opinione pubblica e incanalarla verso la tesi del suicidio. Giovanni e' oggi un uomo di 62 anni, ancora provato dal lutto. Ci accoglie in questa casa a due piani diventata “Casa Memoria Impastato”, un museo dove gli arredi, la chitarra accanto al letto e i dischi di Fabrizio De Andre', ci parlano ancora di un trentenne libero che odiava il sistema clientelare. Il murales dell’atrio ritrae invece Felicia Bartolotta, l’anziana madre, impegnata sino alla fine dei suoi giorni a smascherare i responsabili della morte del figlio. Facciamo ingresso nel corridoio principale, e inauguriamo l’incontro con grande pathos emotivo. Dice Giovanni ai microfoni dei nostri smartphone: “Vi ringrazio per essere venuti. Queste visite

Una musica puo' fare... n. 64: "Fede e dintorni"

Una musica puo' fare... n. 64: "Fede e dintorni"

Si conclude la serie "Una musica puo' fare", edizione 2016, a cura di Ismaele Di Maggio. E anche in questa ultima puntata parliamo di "Fede e dintorni". Ismaele ci propone altre canzoni che affrontano direttamente o indirettamente la dimensione spirituale dell'esperienza umana, con i suoi bisogni, i suoi slanci, le sue inquietudini. Le canzoni proposte sono le seguenti: • Preghiera (Tony Cucchiara) • Io ti prego di ascoltare (Riccardo Fogli) • Fatti avanti amore (Nek) • Uno di noi (Eugenio Finardi)

Una musica puo' fare... n. 63: "Fede e dintorni"

Una musica puo' fare... n. 63: "Fede e dintorni"

Continua la serie "Una musica puo' fare" a cura di Ismaele Di Maggio. E anche in questa puntata parliamo di "Fede e dintorni". Ismaele ci propone altre canzoni che affrontano direttamente o indirettamente la dimensione spirituale dell'esperienza umana, con i suoi bisogni, i suoi slanci, le sue inquietudini. Le canzoni proposte sono le seguenti: • Dio in esilio (Giuni Russo) • Ogni giorno di pioggia che Dio manda in terra (Francesco De Gregori) • Oppure no (Alessandro Bono) • Padre O'Brien (New Trolls)

Una musica puo' fare... n. 62: "Fede e dintorni"

Una musica puo' fare... n. 62: "Fede e dintorni"

Continua la serie "Una musica puo' fare" a cura di Ismaele Di Maggio. E anche in questa puntata parliamo di "Fede e dintorni". Ismaele ci propone altre canzoni che affrontano direttamente o indirettamente la dimensione spirituale dell'esperienza umana, con i suoi bisogni, i suoi slanci, le sue inquietudini. Le canzoni proposte sono le seguenti: • A Dio (Riccardo Cocciante) • Adeste fideles (Giuni Russo) • God rest you merry gentleman (Antonella Ruggiero) • Grazie a Dio (Stefano Rosso)

Una musica puo' fare... n. 60: "L'uomo e i suoi interrogativi"

Una musica puo' fare... n. 60: "L'uomo e i suoi interrogativi"

Continua la serie "Una musica puo' fare" a cura di Ismaele Di Maggio. Il titolo di questa puntata e': "L'uomo e i suoi interrogativi". In questo numero infatti Ismaele ci propone alcune canzoni che tematizzano alcuni degli interrogativi fondamentali dell'esperienza umana, dove il dubbio convive con il bisogno della fede. Le canzoni proposte sono le seguenti: • Cantico (Eros Ramazzotti) • Dio dove sei (Mietta) • Ma che razza di Dio c'e' nel cielo (Roberto Vecchioni) • Non credo (Paolo Vallesi)

Una musica puo' fare... n. 59: "Vecchio e Nuovo Testamento in chiave pop"

Una musica puo' fare... n. 59: "Vecchio e Nuovo Testamento in chiave pop"

Continua la serie "Una musica puo' fare" a cura di Ismaele Di Maggio. Il titolo di questa puntata e' "Vecchio e Nuovo Testamento in chiave pop". In questo numero infatti Ismaele ci propone alcune canzoni che esplicitamente prendono spunto da episodi o versetti biblici. Le canzoni che potrete ascoltare sono le seguenti: • L'uomo nasce nudo (Adriano Celentano) • Job (Vinicio Capossela) • La fine del mondo (Gigi Sabani) • Venne un uomo (Gli Squali) Immagine scattata nel 1969 nella chiesa dell'allora parroco di Cafaggio, don Sergio Pieri, che domando' ad alcuni giovani: "Come possiamo fare per far tornare i vostri amici alla messa domenicale?". Secondo i ragazzi quello che serviva era una novita' accattivante. Cosi' nacque l'idea della messa beat (da Il Tirreno del 5 settembre 2009)

Pagina 1 di 212