Notice: Undefined variable: taxonomy_image in /usr/share/wordpress-3.9-multisite-rvs/wp-content/plugins/categories-images/categories-images.php on line 354
Articoli taggati con "Luca Faedda"

Come pesci sugli alberi

Come pesci sugli alberi

In questo numero di "Filo diretto" vi proponiamo la predicazione che il pastore avventista Luca Faedda ha rivolto alla chiesa avventista di Firenze sabato 17 dicembre 2016, prendendo spunto dalla lettera di Paolo ai Romani, capitolo 5, versi 6-8: Infatti, mentre noi eravamo ancora senza forza, Cristo, a suo tempo, è morto per gli empi. Difficilmente uno morirebbe per un giusto; ma forse per una persona buona qualcuno avrebbe il coraggio di morire; Dio invece mostra la grandezza del proprio amore per noi in questo: che, mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi

A tu per tu: Luca Faedda ci parla della Settimana di Preghiera dei giovani

A tu per tu: Luca Faedda ci parla della Settimana di Preghiera dei giovani

In questo numero di "A tu per tu" Luca Faedda, pastore della Chiesa Avventista di Firenze, ci racconta un'iniziativa diretta ai giovani (dai 15 ai 30 anni): la Settimana di Preghiera. Tale iniziativa viene organizzata in tutta Italia, Luca e' il responsabile della Settimana di Preghiera fiorentina. Tutte le sere, per una settimana, i ragazzi si ritrovano per trascorrere un paio d'ore insieme e riflettere su una tematica. L'argomento dell'edizione di quest'anno e' la Riforma protestante. 

Riconoscere il corpo del Signore

Riconoscere il corpo del Signore

In questo numero di "Filo diretto" vi proponiamo la predicazione che il pastore avventista Luca Faedda ha rivolto alla chiesa avventista di Firenze sabato 21 gennaio 2017, in occasione della commemorazione della cena del Signore; prendendo spunto dalla prima lettera di Paolo ai Corinzi, capitolo 11, versi 28-29: Ora ciascuno esamini se stesso, e cosi' mangi del pane e beva dal calice; poiche' chi mangia e beve, mangia e beve un giudizio contro se stesso, se non discerne il corpo del Signore

Prende il via: "Buongiorno con l'Edicola Rvs"

Prende il via: "Buongiorno con l'Edicola Rvs"

Lunedì 16 gennaio 2017 ha preso il via sulla nostra emittente una nuova trasmissione radiofonica dal titolo "Buongiorno con l'Edicola Rvs" dedicata all'informazione del giorno e all'intrattenimento. Un programma curato e condotto da Claudio Coppini e Roberto Vacca, con uno spazio di prima fascia mattutina dal lunedì al venerdì, per un programma interattivo che prova a condividere e a riflettere sugli avvenimenti, le notizie e gli articoli dei giornali, con  ospiti in studio o in collegamento telefonico e i radioascoltatori. In questa prima puntata ha partecipato al programma il pastore della chiesa avventista di Firenze, Luca Faedda, quotidiano La Nazione alla mano

Cani e umani: una parabola moderna di aggressivita', sopportazione e affetto

Cani e umani: una parabola moderna di aggressivita', sopportazione e affetto

In questo numero di "A tu per tu" il pastore avventista Luca Faedda condivide un'esperienza personale vissuta pochi giorni fa. Protagonisti: una bella ragazza, il suo cane pitbull, una signora anziana che fa un gesto istintivo verso il cane, un pastore avventista preso alla sprovvista. Una vicenda di aggressione, non solo da parte del cane, ma anche - psicologicamente - da parte della ragazza. E un problema di fondo: c'e' ancora empatia tra gli esseri umani, oltre che tra specie diverse? Una domanda che trova una risposta parziale la sera stessa, durante una seduta di "pet therapy" all'ospedale pediatrico Meyer di Firenze, quando il pastore osserva toccanti scene di amore (e sopportazione)

Babbo Natale: si' o no?

Babbo Natale: si' o no?

"Se un genitore riesce a mentire su qualcosa di cosi' speciale e magico, come puo' continuare a essere considerato il guardiano della verita'? All'insegna del motto "gli adulti non mentono mai", la prestigiosa rivista The Lancet Psychiatry interviene nell'eterno dibattito su Babbo Natale. E lo fa entrando a gamba tesa contro la "bugia" piu' diffusa e amata del mondo. Definendo "terrificante" l'idea che esista una struttura simil-Cia come "l'Agenzia di Sicurezza Nazionale del Polo Nord", in grado di stabilire per ogni bambino del mondo se e' stato buono o cattivo. "Per poi arrivare a un giorno - sottolineano gli psicologi Christopher Boyle dell'Universita' di Exeter in Gran Bretagna e Kathy Mc-Kay di quella del New England in Australia - in cui i bambini scopriranno la verita'. Che cioe' i genitori gli hanno mentito per anni" (da un articolo di Elena Dusi dal titolo Babbo Natale? Genitori, basta bugie. Il segreto più amato ora divide gli psicologi, su Repubblica del 24-11-2016). Con il futuro padre Luca Faedda, pastore della chiesa avventista di Firenze, parliamo di questo eterno dilemma (in maniera un po' ironica), se sia giusto far credere ai bambini che esista davvero un vecchietto che fa dei bei regali e piu' in generale se il Natale abbia dei valori che vale la pena tramandare

La corsa italiana agli armamenti

La corsa italiana agli armamenti

La corsa agli armamenti e' aumentata negli ultimi anni. Stimati in piu' di 23 miliardi gli investimenti per il 2017. Sulla carta nascono come navi a doppio uso, un ibrido destinato un po' ad aiutare la Protezione civile in caso di calamita' e un po' a combattere. E cosi' vengono presentate al Parlamento. Ma poco alla volta il progetto prende la forma di una nuova portaerei e i pattugliatori si trasformano in agguerrite fregate. Oppure sono prototipi di aereo ideati dalle aziende come iniziativa privata, senza che l'Aeronautica ne abbia manifestato l'esigenza; poi dopo qualche anno di tira e molla vengono acquistati a decine dallo Stato. Il tutto sotto gli occhi di senatori e deputati, molte volte distratti ma in alcuni casi fin troppo interessati. Tanto alla fine il conto tocca ai contribuenti. Gia', ma quanto paghiamo per le spese militari? La risposta non e' semplice. Perche' nei bilanci della Difesa ci sono anche i finanziamenti per i carabinieri e per altre attivita' che vanno dalla manutenzione dei fari al rifornimento idrico delle isole. Mentre gli armamenti si comprano grazie a consistenti elargizioni di altri ministeri e ci sono gli stanziamenti extra per le missioni all'estero. Un labirinto dove ora l'Osservatorio sulle spese militari italiane Mil€x (www.milex.org) cerca di trovare un filo grazie a un dossier elaborato da Enrico Piovesana e Francesco Vignarca. Con conclusioni sorprendenti (dall'articolo di Gianluca Di Feo "Spese militari: quei 64 milioni al giorno per caccia, missili e portaerei" apparso su Repubblica del 23-11-2016). Parliamo di questo argomento - tragico, ma per molti aspetti persino comico - con il pastore avventista Luca Faedda &nbsp

Predicare va bene ma...

Predicare va bene ma...

In questo numero di "A tu per tu" il pastore della chiesa avventista di Firenze Luca Faedda accoglie e condivide alcune critiche che gli sono state rivolte a proposito delle predicazioni che rivolge alla sua comunita'. Esiste un fondo di verita' nell'accusa  secondo la quale i cristiani nella loro testimonianza spesso esaltano la dimensione "spirituale" perdendo di vista le problematiche della vita di tutti i giorni. In fondo l'incarnazione di Dio in Gesu' di Nazareth sta a significare  che nella teologia cristiana non e' ammesso alcun dualismo. Ma come far tornare la parola biblica tra la gente, in modo comprensibile e pertinente? Andando tra la gente, risponde Luca. &nbsp

Mujica: "Chi accumula denaro e' un malato"

Mujica: "Chi accumula denaro e' un malato"

In questo numero di A tu per tu riflecon il pastore avventista Luca Faedda riflette sull'insegnamento di vita di un "profeta laico" dei nostri tempi: Jose' 'Pepe' Mujica. Per farlo prendiamo spunto da un recente articolo di Repubblica a firma di Omero Ciai: "Non sprecate la vita nel consumismo, trovate il tempo di vivere per essere felici", ha detto Jose' 'Pepe' Mujica agli studenti che lo hanno incontrato l'altro ieri a Roma. Ottantuno anni, presidente dell'Uruguay dal 2010 al 2015, Mujica e' in Italia per una serie di conferenze e per promuovere il libro di Andrés Danza e Ernesto Tulbovitz "Una pecora nera al potere". 'Pepe' e' diventato famoso in tutto il mondo perche' da presidente rinuncio' al 90 per cento del suo stipendio e preferi' continuare a risiedere nella piccola fattoria dove coltiva fiori piuttosto che nel palazzo presidenziale. In Vaticano e' stato ricevuto da Papa Francesco con il quale condivide gli sforzi diplomatici per la pace in Colombia e per il Venezuela (da Repubblica del 6 novembre 2016). &nbsp

Giobbe ovvero i cortocircuiti della fede

Giobbe ovvero i cortocircuiti della fede

In questo numero di "Filo diretto" vi proponiamo la predicazione che il pastore avventista Luca Faedda ha rivolto alla chiesa avventista di Firenze sabato 1 ottobre 2016, prendendo spunto dal libro di Giobbe, capitolo 10, versi 8-13: Le tue mani mi hanno formato, m'hanno fatto tutto quanto, eppure mi distruggi! Ricòrdati che mi hai plasmato come argilla, e tu mi fai ritornare in polvere! Non mi hai colato forse come il latte e fatto rapprendere come il formaggio? Tu mi hai rivestito di pelle e di carne, e mi hai intessuto d'ossa e di nervi. Mi hai concesso vita e grazia, la tua provvidenza ha vegliato sul mio spirito, ed ecco quello che nascondevi in cuore! Sì, lo so, questo meditavi

Nel labirinto di Giobbe, quando la sofferenza non ha senso

Nel labirinto di Giobbe, quando la sofferenza non ha senso

Nella puntata odierna della rubrica "L'altro Binario" torniamo a porci e a porre la "domanda delle domande", gia' affrontata in altre trasmissioni, ma inesauribile: dov'e' Dio? E questa volta lo facciamo prendendo spunto dal tema del trimestre della "Scuola del Sabato" (lo studio della Bibbia che avviene il sabato in tutte le chiese avventiste del mondo) che prevede per questo trimestre, da ottobre a dicembre, l'approfondimento settimanale del libro di Giobbe. Un testo duro, complesso, poetico, esistenziale e foriero di dubbi, che piu' che offrire risposte apre ad altre domande. Per provare ad aprire delle piste di lettura, Claudio Coppini e Roberto Vacca hanno invitato in studio il pastore della chiesa avventista di Firenze, Luca Faedda, che ha studiato a fondo questo particolarissimo libro del canone biblico, per fornirci quel filo rosso che si dipana da quella antichissima vicenda umana fino ai giorni nostri, che ci puo' aiutare a individuare un percorso possibile per uscire dal labirinto. Per il pastore Faedda e' fondamentale capire che e' del tutto legittimo per il credente, disorientato dalla sofferenza e dall'ingiustizia, gridare a Dio il suo senso di indignazione e i suoi perche'. Contrariamente agli amici di Giobbe che cercano di difendere Dio anche a costo di accusare Giobbe, Dio accoglie la protesta dell'uomo sofferente e gli offre una risposta che lo soddisfa non per le cose che afferma - nel caso di Giobbe una specie di lezione di zoologia - ma per la sua stessa presenza e simpatia, che rompe il silenzio e il senso di rigetto. A cio' si aggiunge, nella successiva rivelazione biblica della figura del Cristo, la misteriosa partecipazione diretta di Dio al dolore umano, quasi a identificare la gloria e l'onnipotenza di Dio nel Cristo impotente e crocifisso, ma poi risorto. Appunto, altre domande... Giobbe e' rimproverato dai tre amici (William Blake, 1757–1827)

Le conclusioni del Vangelo di Marco

Le conclusioni del Vangelo di Marco

In questo numero di "A tu per tu", il pastore della chiesa avventista di Firenze, Luca Faedda, conclude il suo commento sul Vangelo di Marco con una riflessione sulle cosiddette "finali" (una piu' breve e un'altra piu' lunga) presenti in diversi antichi manoscritti e che costituiscono ancora oggi varianti alternative per la conclusione del Vangelo di Marco Il Codex Vaticanus, un manoscritto del IV secolo, termina il Vangelo secondo Marco col versetto

Una riflessione su "Vorrei ma non posto"

Una riflessione su "Vorrei ma non posto"

In questo numero di "A tu per tu", il pastore della chiesa avventista di Firenze, Luca Faedda, riflette scherzosamente (ma non tanto) sul tormentone dell'estate 2016 "Vorrei ma non posto" di J-Ax e Fedez, che al di la' del motivetto allegro e orecchiabile, puo' essere definito una denuncia dell'invadenza dei social media, della superficialita' delle relazioni umane e dei valori su cui poggia la nostra societa' Fedez e J-Ax

Altro_Binario Estate: Nizza, andata e ritorno

Altro_Binario Estate: Nizza, andata e ritorno

La radio ancora piu' della televisione e' il mezzo di comunicazione che puo' rispondere con immediatezza alla realta' che si modifica nel presente. Alla luce della terribile strage di Nizza, la mattina della strage abbiamo modificato il palinsesto di alcuni programmi tra cui L'Altro_Binario Estate, che invece di parlare di mare e di vacanze con la vivacissima scaletta preparata da Giulia Granzotto, ha dovuto virare di 360 gradi il taglio della trasmissione, provando ad entrare nelle emozioni dell'attualita' per andare al di la' delle cose dette in TV. Per farlo la musica e' una compagna insostituibile. Ecco allora la scelta dei due conduttori, Claudio Coppini e il pastore avventista Luca Faedda, di alcuni pezzi cult di cantautori, insieme a pensieri, poesie e brevi riflessioni umane, spirituali, bibliche, per entrare in punta di piedi in questo campo minato che e' l'indecifrabile contemporaneita'

Altro-Binario Estate: Parliamo di mare e di... App!

Altro-Binario Estate: Parliamo di mare e di... App!

In questa puntata della rubrica "L'Altro-Binario Estate" in studio con Giulia Granzotto, Claudio Coppini e Marco Zanini, anche il pastore della comunità avventista di Firenze, Luca Faedda, per parlare del tempo della vacanza, del viaggio alla luce delle moderne tecnologie che, volenti o nolenti, ci coinvolgono quotidianamente. Come sempre buona musica, qualche spunto interessante e una telefonata di Franca da Firenze, che ci offre una proposta davvero interessante per allargare anche alle generazioni meno giovani e meno tecnologiche la possibilità di imparare ad "entrare" nella network society, per poter utilizzare in modo intelligente e interattivo la rete. Ricordiamo ai nostri amici che RVS adesso ha bisogno del vostro sostegno e che potete contattarci in ogni momento per donare un piccolo contributo allo 055414040 oppure firenze@radiovocedellasperanza.it e anche dalla pagina fb Radio Voce della Speranza - Firenze. &nbsp

La resurrezione di Gesu'

La resurrezione di Gesu'

In questo numero di "A tu per tu", il pastore della chiesa avventista di Firenze, Luca Faedda, continua il suo commento sul Vangelo di Marco. Siamo arrivati al capitolo 16, dove troviamo nei primi 8 versetti quella che molti studiosi definiscono "la prima conclusione del Vangelo di Marco". Luca Faedda ci parla di questa ipotesi ma anche del ruolo speciale delle donne come prime testimoni della resurrezione

Il coraggio di cambiare

Il coraggio di cambiare

In questo numero di "Filo diretto" vi proponiamo la predicazione che il pastore della chiesa avventista Luca Faedda ha rivolto alla chiesa avventista di Firenze sabato 28 maggio 2016, prendendo spunto dal libro di Giona, capitolo 1, versi 1-3: "Fu rivolta a Giona, figlio di Amittai, questa parola del Signore: «Alzati, va’ a Ninive, la grande citta', e in essa proclama che la loro malvagita' e' salita fino a me». Giona invece si mise in cammino per fuggire a Tarsis, lontano dal Signore. Scese a Giaffa, dove trovo' una nave diretta a Tarsis. Pagato il prezzo del trasporto, s’imbarco' con loro per Tarsis, lontano dal Signore."

Pagina 1 di 3123