I Sioux contro la visita di Trump al Monte Rushmore

image
Descrizione

Da giorni gruppi di nativi americani stanno pianificando proteste per la contestata visita di Donald Trump al Monte Rushmore, in South Dakota, alla vigilia dell’independence day, il 4 luglio. Ora a intervenire contro il presidente americano è uno dei leader Sioux: «Questa terra appartiene a noi, lo stabiliscono trattati storici, e devo dirle una cosa: non le diamo il permesso di entrare» ha dichiarato Bear Runner al Guardian. Per il presidente dell’oglala Sioux tribal council, la visita di Trump al monumento aumenterebbe il rischio coronavirus per i nativi visto che arriva nel mezzo di una pandemia ancora in corso. The Donald ha inoltre previsto anche uno spettacolo pirotecnico, nonostante nell’area che ospita il monumento viga dal 2010 il divieto di fuochi d’artificio per il rischio di incendi della Black Hills, area ritenuta sacra dai nativi. La sua visita appare una provocazione anche per il passato di Mount Rushmore. Il terreno su cui si erige il monumento con i volti di 4 presidenti Usa è stato sottratto ai nativi Lakota Sioux nel 1800, e lo scultore è un suprematista bianco. Per i nativi il governo dovrebbe restituire il terreno e abbattere questo monumento simbolo del «suprematismo bianco» (dal Corriere della Sera del 2-7-2020, I Sioux contro Donald: «Stia lontano»).

Parliamo di queste tensioni con il professor Alessandro Martire, ambasciatore della Nazione Lakota Sioux di Rosebud (South Dakota).

video

2 Luglio 2020 521 12 Nessun commento

Download

Clicca Download e poi sulla freccia in basso a destra del player o tasto destro sul player Salva con nome.

Il network radio avventista

RVS  è affiliata a:
AWR - Adventist World Radio  HCI - Hope Channel Italia
Aeranti - Associazione di categoria del settore radiotelevisivo locale

Informativa Privacy 

8x1000
5x1000

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per informazioni sulla Privacy, clicca qui

Chiudi